VALGUARNERA: DA FUOCO AD UN’AUTO E SI GODE LO SPETTACOLO. ARRESTATO.

2/7/2008 –

Questo il comunicato stampa dei Carabinieri della compagnia di Piazza Armerina.


“I Carabinieri della Compagnia di Piazza Armerina e della Stazione di Valguarnera, hanno tratto in arresto nel corso della notte, Giuseppe Sinistra, di anni 36, separato, disoccupato  di Valguarnera. Verso le ore 00,25 risulta infatti essere pervenuta alla C.O. di Piazza Armerina, una telefonata di allarme di un cittadino che segnalava un’auto in fiamme in via Ricotti. Sul posto si sono immediatamente portati la pattuglia della Stazione di Valguarnera al Comando del Mar. Ca.Angelo Grasso e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia giungendo unitamente ai Vigili del Fuoco di Piazza Armerina i quali si sono adoperati per cercare di spegnere le fiamme di un’ autovettura Fiat Uno parcheggiata sul lato destro della strada. Le fiamme prima di essere domate si sono alzate anche sul prospetto delle abitazioni vicine causando ovvi momenti di preoccupazione tra i residenti del luogo, scesi per strada. Le indagini immediatamente avviate hanno permesso il rinvenimento di una bottiglia di plastica con dei residui di benzina; le stesse si sono da subito rivolte nei confronti del SINISTRA Giuseppe che è stato notato osservare in disparte l’incendio dell’auto e le operazioni di spegnimento tenendo un atteggiamento che ha insospettito i Carabinieri. Condotto in caserma il SINISTRA è stato trovato con le mani che odoravano ancora di benzina. Interrogato alla presenza del suo legale, svegliato nel cuore della notte, la persona fermata ha infine ammesso di essere il responsabile dell’incendio.Prove certe, oltre alla confessione rilasciata dal SINISTRA, sono state trovate nel corso di altri sopralluoghi e perquisizioni compiute nel corso di tutta la notte.Sulle motivazioni dichiarate dal SINISTRA pare ci siano dissidi tra dei componenti del suo nucleo famigliare e quello del proprietario della FIAT Uno.”


IL COMANDANTE


                                          (Cap. Michele Cannizzaro)


 

L’articolo originale con eventuali allegati lo trovi qui