Università Siciliane: Incontro Armao-La Galla

 “Anche se il governo nazionale continuera’ a penalizzare la Sicilia e il suo sistema formativo, dopo i tagli alle Universita’ impedendo la rimodulazione dei Fondi Fas e l’erogazione, per esse di risorse aggiuntive, con la prossima finanziaria garantiremo alle universita’ siciliane gli investimenti strutturali e infrastrutturali necessari per svolgere al meglio il loro insostituibile compito a servizio dei giovani siciliani”. Cosi’ ha commentato l’assessore per l’Economia, Gaetano Armao, l’esito dell’incontro svoltosi con il presidente dei Rettori degli atenei siciliani, Roberto La Galla, e i dirigenti degli assessorati all’Economia e alla Formazione, e del dipartimento Programmazione. A conclusione dell’incontro si e’ deciso di costituire un tavolo di raccordo tra gli assessorati interessati e le universita’ al fine di individuare tutte le forme ed i canali finanziari per incrementare il sostegno agli atenei siciliani. “L’unica via d’uscita al ritardato sviluppo siciliano – ha detto Armao – e’ il rafforzamento delle competenze e dei saperi, compito primario delle universita’. E’ paradossale che il governo nazionale, pur condividendo cio’ a parole, penalizzi le nuove generazioni nei fatti impedendo, attraverso il blocco determinato dal cd “Piano per il sud”, l’impiego dei fondi Fas della Sicilia per le Universita’, precludendo in tal modo l’utilizzo degli strumenti necessari agli atenei siciliani per compensare i minori finanziamenti che sono previsti dalla riforma statale”. “Se il governo nazionale – ha concluso l’assessore – intende negarci anche l’accesso a queste risorse, abbia il coraggio di dirlo. Noi sosterremo in ogni modo l’impegno che docenti e studenti siciliani ogni giorno portano avanti per dare prospettive certe al futuro della Sicilia”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati