STORIE DI ORDINARIO ABBANDONO DI ANIMALI

Questa è la storia di Fiammetta, una cagnetta randagia che ha partorito dieci splendidi cuccioli presso i Giardini Garibaldi. Per un mese Fiammetta si è presa cura dei suoi piccoli, aiutata da PERSONE di buon cuore che le fornivano un buon pasto quotidiano, fin quando qualcuno ha deciso di portarle via i cuccioli. Per giorni e giorni, Fiammetta è stata ferma lì ad aspettarli, ma i cuccioli non c’erano più. I volontari della LAV, informati dalle solite “anime canine”, comuni cittadini che cercano di fare quel che possono per aiutare i tanti amici a quattro zampe, si sono subito attivati, ed insieme ai volontari dell’associazione U.N.A. Armerina, in meno di dieci giorni hanno trovato quattro piccole superstiti, che sono tempestivamente state portate in salvo.I quattro cuccioli sopravvissuti, quattro dolcissime femminucce, hanno subito avuto (purtroppo) un compagnetto di giochi, trovato da una volontaria della LAV su di un viadotto della statale, che è stato fortunatamente già adottato. Nel frattempo, Fiammetta, ormai rassegnata alla perdita, ha avuto le cure necessarie per evitare che il latte nelle mammelle si pietrificasse, con l’ausilio di quelle anime buone che giornalmente la “mungevano”! Eh sì! È stato necessario anche questo, perché le dieci mammelle della cagnetta, in dieci giorni si erano riempite a tal punto da diventar congestionate e durissime!
Pochi giorni dopo è arrivato un altro cucciolo, di circa tre mesi, che i volontari della LAV avevano curato, avendolo trovato con una zampa fratturata. Nei successivi due giorni, altri due fratellini sono stati trovati sotto la galleria della vecchia ferrovia, da qualche anno divenuta percorribile dalle automobili ed infine, un altro cucciolo, un vivacissimo maschietto di circa due mesi e mezzo è stato trovato presso il campo sportivo. Gli otto cuccioli, dei quali i volontari si occupano con amore e dedizione, hanno adesso bisogno di una famiglia che li adotti, che li ami e si prenda cura di loro. A Piazza Armerina non esiste un canile, e tutti NOI abbiamo già più di un “trovatello” che gironzola per casa, rinato dopo aver avuto la fortuna di trovare una famiglia. Se queste otto splendide creature non saranno adottate , dovranno essere immesse nuovamente sul territorio, e noi dobbiamo impedirlo!
Non solo perché tutti i nostri sforzi saranno stati vani, non solo perché non vogliamo altri otto randagi, ma soprattutto perché ne va della loro vita! Salviamo gli otto cuccioli armerini, aiutateci a trovar loro una casa e tanto amore! Avere un cane comporta sacrifici, è vero, ma nessun sacrificio sarà mai tanto grande quanto l’amore e la dedizione che il vostro cane vi darà! Un cane cambia la vita, la rende migliore! Ogni giorno si scopre quanto possa esser grande l’amore, ogni giorno si vive un’emozione nuova e folgorante!Quando il vostro sguardo s’incrocerà con quello del vostro cane, scoprirete cosa significa aver accanto un dolce essere che vive per voi, che non ci penserebbe su due volte a dare la propria vita per salvare la vostra! Scoprirete, un giorno, di non aver bisogno di parlargli con parole codificate, perché il vostro cane vi capirà senza alcuno sforzo, carpirà i vostri atteggiamenti, saprà quando parlerete di lui, sentirà il vostro umore e riuscirà a farvi sorridere quando sarete tristi, a farvi rilassare quando sarete nervosi, a consolarvi nei momenti bui.
E voi scoprirete di capire quando il vostro cane è allegro, quando è triste ed anche quando è arrabbiato! I cani non hanno bisogno di parole, né di cucce d’oro, hanno solo bisogno d’amore! Il vostro cane non vi abbandonerà mai, il vostro cane avrà una cieca fiducia in voi, perché non immaginerà mai che voi possiate fargli del male. Un cane non è un giocattolo, un cane è una meravigliosa creatura che prova vere emozioni e che fa dell’essere umano un umano migliore. Adottare un cane è un gesto nobile, ma dev’esser un gesto responsabile, consapevole. Chiunque voglia salvare una di queste otto creaturine ed aver un compagno di vita, può contattarci al seguente indirizzo di posta elettronica:
enna@lavsicilia.it. Siamo sicuri che non deluderete né noi né i nostri cuccioli. Colgo l’occasione per porgere un calorosissimo augurio a Joy, il pastore tedesco al quale hanno sparato in pieno volto, salvato dalla LIDA di Caltanissetta, affinchè possa trovare una famiglia!



 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati