Spagna risultati definitivi, vince Rajoy: “Rivendichiamo il diritto di governare”


“Rivendichiamo il diritto di governare, perché abbiamo vinto”: è quanto ha detto questa notte il premier spagnolo uscente e leader del Partito Popolare Mariano Rajoy davanti a una folla di sostenitori festanti presso la sede del partito in calle Genova. “Da domani inizieremo a parlare con tutti” in vista della formazione di un futuro governo, ha poi aggiunto Rajoy. I risultati definitivi delle elezioni in Spagna danno il Pp primo partito con 137 seggi su 350 (123 a dicembre) ) e il 33 percento dei voti, davanti al Psoe 22,7 percento (85 seggi contro 90), Podemos 21,1 percento (71 seggi contro 69) e Ciudadanos 13 percento (32, ne aveva 40).

Peggiore risultato storico per il partito socialista – Durante lo spoglio il leader di Podemos Pablo Iglesias ha ammesso che il risultato del suo partito “non è stato soddisfacente” mentre quello del partito socialista, Pedro Sanchez, ha ammesso che il Pp del premier Rajoy ha vinto le elezioni e ha detto di avere chiamato il leader popolare per congratularsi. Sanchez ha aggiunto di “non essere soddisfatto del risultato del suo partito”, ma ha sottolineato che il Psoe rimane “il primo partito della sinistra spagnola”. La tv pubblica Tve ha fatto notare come il partito socialista spagnolo abbia ottenuto il suo peggiore risultato storico in seggi nel Congresso dei deputati. Rispetto a dicembre il Psoe ha perso 5 deputati e mezzo milione di elettori.

Sconfitta anche degli istituti demoscopici – Il voto in Spagna ha inoltre segnato anche una nuova sconfitta per gli istituti demoscopici che, dopo il referendum nel Regno Unito sulla Brexit, hanno dato previsioni smentite poi dal voto reale. Per le due settimane di campagna tutti i sondaggi avevano parlato di uno storico sorpasso di Podemos sui socialisti. Ancora un exit-poll diffuso ieri sera appena chiuse le urne aveva dato il partito di Pablo Iglesias al 25,6 percento dei voti davanti al Psoe con il 22 percento. I dati reali hanno poi ribaltato queste previsioni.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati