SINDACATI A VENTURI, CDM STRAORDINARIO SU TERMINI IMERESE

PALERMO, 9 FEB.2010 (SICILIAE) Una seduta straordinaria del Consiglio dei ministri con all’ordine del giorno l’emergenza Fiat di Termini Imerese e la partecipazione del presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo. E’ la richiesta che i sindacati e il coordinamento dei sindaci del Termitano hanno formulato all’assessore regionale alle Attivita’ produttive, Marco Venturi, questo pomeriggio nel corso di un incontro che si e’ svolto presso la sede dell’assessorato. “La riunione informale, richiesta dai sindaci di Termini, Salvatore Burrafato e di Campofelice di Roccella, Francesco Vasta e dai sindacati, e’ servita soprattutto ad illustrare la delibera approvata dalla giunta di governo, “con la quale – ha detto l’assessore Venturi – si ribadisce l’investimento di circa 350 milioni per il miglioramento delle infrastrutture ed il vincolo dell’area a zona industriale per la produzione di automobili”. “Girero’ al presidente Lombardo – ha continuato Venturi – la richiesta, presentata oggi, di chiedere la convocazione di un consiglio dei Ministri straordinario che abbia al centro la questione dello stabilimento Fiat di Termini Imerese”.I sindacati hanno ribadito che, dopo la riunione del tavolo tecnico presso il ministero dello Sviluppo economico (il 5 marzo a Roma), vista la delicatezza della vicenda, e’ necessario che gli incontri tornino a svolgersi a Palazzo Chigi.L’assessore Venturi inoltre concordera’ con l’assessore regionale del Lavoro, Lino Leanza, un incontro per definire la costituzione di un eventuale bacino che possa accogliere i lavoratori Fiat e quelli dell’indotto, nel caso in cui dovessero perdere il posto di lavoro.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati