Sanita’: parita’ e pari opportunita’, Russo vara le linee guida

 L’assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, con un decreto ha varato le linee di indirizzo per attuare parita’ e pari opportunita’ nelle aziende del servizio sanitario regionale. In sintesi si deve evitare qualsiasi forma di discriminazione diretta o indiretta e si deve promuovere la concreta attuazione del principio delle pari opportunita’ nelle politiche del personale, attraverso la rimozione di forme esplicite ed implicite di discriminazione e la valorizzazione professionale. “E’ un’importante sollecitazione culturale – spiega l’assessore Russo – affinche’ vengano osservate le norme esistenti e si proceda alla effettiva rimozione di tutti gli eventuali ostacoli all’effettiva parita’ di opportunita’ tra i dipendenti del servizio sanitario, come del resto e’ previsto dalla Costituzione italiana. E’ una prospettiva di civilta’ che coincide con l’obiettivo di migliorare la qualita’ del lavoro con politiche di gestione e sviluppo delle risorse umane che puntino ad eliminare odiose, oltre che inutili, discriminazioni che ancora esistono”. Una delle principali raccomandazioni contenute nelle “linee di indirizzo” e’ quella che riguarda la concreta attuazione del principio di parita’ di trattamento e di pari opportunita’ nei confronti delle persone con disabilita’ e tra i lavoratori indipendentemente dalla razza, dalla religione e dall’origine etnica.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati