Prove del concorso pubblico per agenti della Polizia di Stato ad Enna

 Il questore Enrico De Simone, insieme al suo vicario Corrado Basile ed in presenza del sindaco Maurizio Dipietro, in conferenza stampa ha comunicato che in città si svolgeranno le prove del concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento di 559 allievi agenti della Polizia di Stato. Ad Enna, dal 4 al 6 maggio, confluiranno circa 3500 persone da ogni parte della Sicilia ed occuperanno alberghi, si serviranno dei locali della ristorazione e dei bar e di ogni attività commerciale. L’intera area attorno al Palazzetto dello sport, dove si svolgeranno le prove del concorso, sarà riservata al parcheggio degli automezzi dei candidati e degli addetti ai lavori.

Saranno mobilitati, la Polizia locale, la Polizia di Stato ed i Carabinieri per assicurare l’ordine pubblico. De Simone si è dichiarato orgoglioso della scelta compiuta dal Dipartimento della Polizia di Stato e ha ringraziato per questo il capo della Polizia Alessandro Pansa. Il questore ha voluto sottolineare che lo svolgersi di tale importante evento in città ha, soprattutto, lo scopo di evidenziare ai cittadini la vicinanza della Polizia, delle Forze dell’ordine, tutte, ed ovviamente, dello Stato. Si inserisce, inoltre, nel progetto di legalità che la Questura sta perseguendo per Enna. Va ricordato, tra l’altro, che Enna è considerata una delle città più sicure d’Italia grazie all’impegno delle Forze dell’ordine.

La Commissione del concorso, che, è riservato ai sensi dell'articolo 2199, comma 4, lettera a, del D.Lgs. 15 marzo 2010, n. 66, ai volontari in ferma prefissata di un anno o quadriennale ovvero in rafferma annuale i quali, se in servizio, abbiano svolto alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda almeno sei mesi in tale stato o, se collocati in congedo, abbiano concluso tale ferma di un anno, si compone di un Comitato di vigilanza composto da funzionari della Polizia di Stato, fra i quali il vice questore aggiunto Matteo Spatola, ed è integrato da funzionari civili. Soddisfazione ha espresso il sindaco Maurizio Dipietro, sentendosi onorato per tale evento, a nome di tutta la cittadinanza, ed ha ringraziato i vertici della Polizia di Stato, quindi il capo della Polizia per aver scelto Enna come sede siciliana del concorso e si è congratulato con il questore, sottolineando le sue capacità, per aver ottenuto tale risultato per la città di Enna dirottandovi il concorso. Dipietro ha, inoltre, evidenziato come l’avvenimento dia visibilità ad Enna, la ravvivi economicamente, sebbene per qualche giorno ed ha dichiarato che ha già messo al lavoro l’Ufficio eventi del Comune, diretto da Sergio Maffeo per assicurare che il Comune faccia bene la sua parte e tutto proceda nel migliore dei modi assicurando la migliore accoglienza della città ai candidati e agli addetti ai lavori.

Mario Antonio Pagaria

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati