PRIMA AULA PER LA LETTURA NEL MERIDIONE D’ITALIA

Da Roma in giù è la prima aula per bambini delle elementari dedicata all’ascolto, alla lettura, alla riflessione,  quella che sarà inaugurata giovedì prossimo, alle 17 e trenta all’’ultimo piano del plesso Paolo Arisio del 2° Circolo Santa Chiara. L’aula è realizzata nell’ambito della Festa del Libro dal 2° Circolo, dal Comune di Enna e dal Club Unesco. All’inaugurazione interverranno oltre che il sindaco Rino Agnello, l’assessore alla Pubblica Istruzione Claudia Cozzo, la dirigente del 2° Circolo, Maria Rita Giarrizzo, e il presidente di Circolo, Giancarlo Di Marco, l’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Torino, Luigi Saragnese, il responsabile del Centro di Cultura per la lettura di Torino, Valeria Anfossi, la responsabile della sezione ragazzi della Mediateca Comunale LaCasadiGiufà, il dirigente del Circolo Didattico di Zafferana Etnea, Gabriella Zammataro e il direttore di “Città Aperta”, Emilio Barbera. Gli interventi saranno moderati da Fenisia Mirabella maestra del Plesso Arisio che assieme a Tanina Murgano hanno curato il progetto. L’aula di lettura, realizzata con un finanziamento del Comune di Enna, è stata allestita con cura. Un bagno di luce e colori per predisporre all’’ascolto e i guidare i bambini nel mondo della libro.


“I libri spalancano le porte della conoscenza – dice l’assessore Claudia Cozzo – E’ importante che la scuola guidi verso una crescita consapevole. Abbiamo voluto sostenere il 2° Circolo che con un piccolo finanziamento, a testimonianza che la buona volontà supera ogni ostacolo, ha allestito l’aula. E’ questo un modo per valorizzare il nostro territorio puntando sui bambini che sono il nostro futuro. La grande novità, di cui questa amministrazione va fiera, è la creazione, per la prima volta nel sud Italia così come per l’aula di lettura, di un Sistema Socio Educativo Territoriale, di cui Cettina Capizzi è responsabile, che si occuperà di coordinare e mettere in rete tutte le attività di laboratorio e didattiche messe in campo dalla scuola per far si che il Comune diventi ancora più presente sul territorio nel campo culturale ed educativo”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati