PIAZZA ARMERINA – Richiesta di rinvio a giudizio di quattro cooperative ennesi

  La Procura contesta un aggravante e la difesa chiede tempo per presentare controdeduzioni. Sarà necessaria una nuova udienza per decidere se dovranno andare sotto processo o meno i rappresentanti legali di quattro società cooperative ennesi, tutti accusati di turbativa d’asta per la gara d’appalto da 300 mila euro del 2005 in materia di assistenza domiciliare comunale agli anziani. Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari David Salvucci nel corso dell’udienza preliminare, in programma al tribunale di Enna giovedì mattina. La procura ha contestato la circostanza aggravante del danno di rilevante entità. Il pubblico ministero Marcello Cozzolino aveva chiesto il rinvio a giudizio per P. C., 60 anni, quale presidente e legale rappresentante della coop Ares, B. A., 48 anni, presidente del consiglio di amministrazione della coop Asmida, M. S., 42 anni, legale rappresentante della coop La Piramide, e C. V., 30 anni, legale rappresentante della coop Anchise. Tutte cariche ricoperte dagli indagati nell’aprile del 2005, quando fu aperto il fascicolo dalla Procura della Repubblica del tribunale di Enna.


Roberto Palermo

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati