PIAZZA ARMERINA: PROGETTO TURISMO RURALE

Si concluderà il 18 Luglio prossimo, con un convegno all’Istituto superiore Cascino, l’interessate esperienza di promotori turistici realizzata dagli allievi del progetto integrato di formazione “Turismo Rurale”, che si sta svolgendo a Piazza Armerina e Pietraperzia.
Il corso diviso in due fasi, una teorica e l’altra pratica, vede coinvolti 15 allievi, ove quattro di essi sono stati avviati presso l’ex Azienda Autonoma di Soggiorno e turismo, per la Work Experience.
Soddisfazione, per il livello di preparazione teorica da parte degli allievi, è stata espressa dal dirigente responsabile del Servizio Turistico regionale n.° 17, di Piazza Armerina, del Dipartimento Regionale Turismo, la dottoressa Ivana Vaschetta (nella foto).
Gli allievi hanno elaborato i dati dei questionari che i turisti, in transito per la città dei mosaici, compilano nelle strutture alberghiere e turistiche della città.
Vengono presi in considerazione determinati parametri che riguardano l’età, il livello di istruzione, il lavoro e le ragioni che spingono i turisti a visitare Piazza Armerina. Inoltre sono stati elaborati ben quattro itinerari turistici che toccano le principali strutture agrituristiche e i principali percorsi eno–gastronomici, con la valorizzazione delle bellezze paesaggistiche e culturali del territorio. Piazza Armerina, infatti, conta oltre 10 strutture di turismo rurale e agriturismo e un agri-campeggio; oltre 40 i Bed & Breakfast che sono sparsi nella città e nella periferia che rientrano nei percorsi studiati dagli allievi del corso Turismo rurale.
Prossimamente il lavoro di ricerca, frutto della esperienza pratica nelle aziende turistiche da parte degli allievi, saranno inseriti e divulgati in un cd interattivo e multimediale, che gli attuatori del progetto diffonderanno sul territorio.
Il progetto “Turismo rurale” è frutto di una associazione temporanea di scopo costituita dall’Unione delle Camere di Commercio di Sicilia, da Agic Consulting, da Eures Group e dall’Associazione Euroconsult.
Il progetto rientra nell’ambito del Piano Integrato Territoriale n. 11.: “Enna: turismo tra archeologia e natura

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati