Piazza Armerina – La gestione del verde pubblico anima il dibattito politico

In questi giorni uno dei temi preferiti dalla politica locale è quello del verde pubblico. Da più parti si ci lamenta della gestione di aiuole, alberi e ville comunali da parte dell’assessore Giuseppe Di Prima. Visto che di solito la gestione del verde in una città è uno dei parametri di valutazione dell’efficienza di una amministrazione è chiaro che la maggior parte delle lamentele provenga dall’opposizione, non ultima una nota dell’MPA che mette l’accento sulla cattiva gestione di questo settore. La verità è che il verde pubblico è sempre stato considerato una spesa non indispensabile e i bilanci comunali degl’ultimi dieci anni parlano chiaro. All’amministrazione Prestifilippo, che non godeva della maggioranza in consiglio comunale, più volte furono azzerate le somme per il verde pubblico e l’Amministrazione Nigrelli ha dovuto ridurre al lumicino il capitolo di spesa relativo alla manutenzione di aiuole e ville per far quadrare i conti del comune in questo momento di crisi. Ne Mauro Farina , assessore al verde pubblico nell’amministrazione Prestifilippo, ne Giuseppe Di Prima , attuale assessore, hanno potuto , in tutta coscienza, fare di più di quello che è stato fatto; anche se in alcuni casi sono stati commessi degli errori grossolani. A tutti piacerebbe vedere la città ordinata e pulita in ogni angolo, il fatto è che nel proprio organico il comune ha solo un giardiniere ed è impossibile gestire tutte le aree verdi solo con un’unità lavorativa, occorrerebbe assumere altro personale , cosa resa impossibile dal blocco delle assunzioni. Nessun amministratore potrà nei prossimi anni risolvere il problema per cui l’unica alternativa sarebbe quella di affidare ai privati alcune zona della città. Esperimento tentato , ma non riuscito. Quando leggete nei giornali che questa o quella amministrazione non è capace di gestire il verde pubblico tenete conto che si tratta solo di strumentalizzazioni politiche e poco affidabili nei contenuti e che , chiunque amministra questa città, sa bene che i cittadini sono molto sensibili al problema , ma spesso si trova le mani legate da situazioni o fatti indipendenti dalla propria volontà. A proposito… le dichiarazioni dell’MPA sono inserite su un blog per cui , non essendo tale strumento divulgativo  testata giornalistica e quindi sottoposto alla normativa vigente, il comunicato pubblicato potrebbe non corrispondere alle intenzioni dichiarative, in tal caso ci scusiamo con il partito dell’Autonomia e restiamo disponibili per eventuali rettifiche così come disposto dalla legge.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati