Piazza Armerina – Incontro pubblico per il referendum sulle trivellazioni

[COMUNICATO STAMPA] Nell’ Aula del Consiglio Comunale di Piazza Armerina alle 18 di ieri giovedì 25 Febbraio si è tenuto un incontro pubblico tra le associazioni e le forze politiche che intendono votare SI all’abrogazione della legge che permette la ricerca e l’estrazione permanente di petrolio nel mare sino ad una distanza di 12 miglia dalla costa.

Il Referendum che si terrà il 17 Aprile prossimo, riguarda molto direttamente la Sicilia e la Puglia che sono le Regioni con il più alto numero di permessi per estrarre e ricercare petrolio. In Sicilia è coinvolto l’intero litorale sud tra Agrigento e Capo Passero, quindi le centinaia di chilometri delle più belle spiagge del mediterraneo. La campagna referendaria avrà pochissimo tempo a disposizione e poca eco sui media; per queste ragioni i partecipanti alla riunione hanno deciso di costituire un comitato cittadino per il SI all’abrogazione della legge (art. 6 comma 17 del codice dell’ambiente) anche per affrontare più efficacemente gli adempimenti legali che un Referendum porta con sé, in materia di affissioni e propaganda.

A prendere parte e ad aderire al Comitato sono associazioni per la tutela dell’ambiente e del paesaggio e del patrimonio culturale come Legambiente ed Italia Nostra, associazioni di consumatori della (ex) provincia di Enna, il NO- MUOS (che si batte da anni per la tutela della salute contro gli impianti militari di Niscemi) e forze politiche come il Meetup Grilli Armerini (Movimento 5 Stelle di Piazza Armerina) e rappresentanti del P.R.C.. Il comitato si riunirà già sabato prossimo per la programmazione di tutte le attività ed iniziative a sostegno della vittoria del SI. Tutti i partecipanti sono concordi nella valutazione che il petrolio ed il gas sono risorse pericolose per la salute del mare, degli uomini, e in Sicilia, del paesaggio e dell’economia basata sul turismo; una risorsa che in ogni caso non porta occupazione, desueta, nonché fonte di pericoloso inquinamento.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati