PIAZZA ARMERINA . Incontro all’isituto Majorana sul tema della donazione d’organi.

“Il dono della donazione”. E’ stato questo il tema dell’incontro promosso dall’istituto tecnico industriale “Ettore Majorana” della cittadina piazzese. La manifestazione è stata organizzata in ricordo di un ex allievo dell’istituto: Giuseppe Schillaci. Al centro del dibattito la campagna di informazione e sensibilizzazione dedicata alla donazione degli organi. Relatore della conferenza scientifica è stato il professor Federico Bonetti , direttore del centro di ematologia pediatrica del policlino di Pavia.“Una bella pagina di attività scolastica in netta controtendenza — ha sottolineato il dirigente scolastico dell’Itis Majorana, Lucia Giunta — Proprio in un momento di acceso dibattito sull’efficacia e funzionalità dell’ordinamento scolastico, i docenti e gli alunni dell’Itis “Majorana” hanno dato vita ad un intenso e partecipato dibattito. Sui giovani e il loro presunto disimpegno si fa molta retorica. Questa partecipazione e la tensione emotiva che i nostri studenti hanno espresso, testimoniano la loro grande sensibilità e generosità”. Un attestato di solidarietà e partecipazione che ha visto gli studenti protagonisti di un interessato approfondimento sulle dinamiche che sottendono la donazione volontaria. Il professor Bonetti, avvalendosi dell’ausilio di supporti audiovisivi, ha illustrato agli studenti statistiche e tecniche di intervento relative al trapianto di midollo osseo. Un seminario di approfondimento che ha aperto pagine di ulteriori approfondimenti. La cultura della solidarietà, i viaggi della speranza dei pazienti meridionali alla volta di strutture sanitarie del nord. Nel corso del convegno è stata avanzata una proposta che a giudizio del professor Bonetti merita un adeguato approfondimento. Gli studenti hanno formulato l’ipotesi di interlocuzione e collaborazione tra il policlinico di Pavia e la struttura ospedaliera del Chiello di Piazza Armerina. Un’ipotesi che potrebbe sortire effetti interessanti proprio in un momento di grave e rischioso ridimensionamento della struttura ospedaliera armerina. L’ipotesi potrebbe essere quella di esplorare e verificare la possibilità di avere a Piazza Armerina un centro di eccellenza in collaborazione con strutture scientifiche di comprovata esperienza. Alla fine del convegno è stata scoperta una targa commemorativa dedicata a Giuseppe Schillaci al quale è stata dedicata la palestra dell’istituto. “E’ stata la nostra una scelta simbolica — ha concluso la preside Giunta — Lo sport inteso dunque come palestra di vita”.


Agostino Sella

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati