PIAZZA ARMERINA. IL CONSIGLIO COMUNALE CONDANNA JUDICA , MA ANCHE NOI ABBIAMO LE NOSTRE COLPE

Le dichiarazioni del direttore Francesco Judica, intervistato alcuni giorni fa,  hanno destato in città un coro di proteste. Le reazioni non si sono fatte attendere. Il  Consiglio Comunale. i cui capigruppo hanno emesso un comunicato congiunto, accusa il dirigente di “ essersi sottratto al confronto” e , nella sostanza, di non tenere conto della domanda reale di servizi sanitari proveniente dalla cittadinanza. Il declassamento del Chiello, che non consentirà in futuro neanche di nascere a Piazza armerina, suscita ancora più rabbia se si pensa che la Sicilia, costretta a diminuire la spesa sanitaria con tagli indiscriminati,  è la regione che ha un numero di cliniche e laboratori accreditati quanto tutto il resto d’Italia messo insieme e spendiamo di sanità il 30% in più di tutta la Finlandia.


L’ospedale Chiello svolge un’importante funzione sanitaria nella zona e non è possibile che qualcuno sulla base dei freddi numeri decida di tagliare quelle spese che andrebbero diminuite rinunciando magari a qualche convenzione troppo onerosa per le casse regionali.


Vedremo chi si assumerà in futuro la responsabilità di diversi morti per mancanza di assistenza qualificata.


Non è comunque giusto imputare tutta la colpa di quello che sta succedendo  ai dirigenti sanitari, sarebbe giusto che anche i piazzesi si assumessero le loro responsabilità.:nonostante ne avessimo la forza elettorale non abbiamo alcun rappresentante politico a Sala d’Ercole, o in Parlamento, che in qualche maniera possa tutelare gli interessi della nostra città. Alle prossime elezioni, forse occorrerà riflettere un po’ di più quando nel segreto dell’urna elettorale esprimeremo il nostro consenso.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati