PIAZZA ARMERINA: IL BILANCIO COMUNALE IN CONSIGLIO

Quella di oggi dovrebbe essere la giornata conclusiva per l’approvazione del bilancio. Alle 18.00 inizierà la seduta del Consiglio comunale che dovrebbe porre fine , tra mille polemiche, all’iter amministrativo dell’importante documento finanziario. E’ probabile che il documento venga stravolto da un maxiemendamento messo a punto dagl’indipendenti del PD che sembra abbiano trovato un accordo con la minoranza di centrodestra. Un vero e proprio tuffo nel passato che ci ricorda la vecchia amministrazione Prestifilippo, condannata a lottare contro un consiglio comunale nella quale non deteneva, sulla carta, la maggioranza Questa Giunta ha in realtà fatto un percorso inverso rispetto alla precedente: partita con una maggioranza schiacciante uscita fuori dalle elezioni, si sta ritrovando a dover affrontare una situazione che la vede minoritaria. Come abbiamo fatto allora, sosteniamo ancora oggi che per i consiglieri che con molta leggerezza abbandonano lo schieramento con il quale sono stati eletti , sarebbe utile una norma che renda obbligatorie le dimissioni da cariche istituzionali qualora si decida di venire meno al mandato conferito dagli elettori che non hanno votato solo un candidato , ma anche un programma. In realtà non occorrerebbe una legge apposita, basterebbe un minimo di etica politica e un po’ più di rispetto per gli elettori. Nonostante i tanti proclami di rinnovamento della politica la situazione sembra rimanere sempre la stessa, con l’unico risultato di non permettere ai sindaci si svolgere, nel bene e nel male, il loro mandato il cui unico giudizio spetta agli elettori e non ai signori di partito o a chi coltiva ambizioni o vendette personali. Riteniamo che sia un diritto del consigliere comunale cambiare idea, ma in questo caso è anche giusto rimettere il proprio mandato e farsi da parte. In realtà dovremmo essere noi cittadini a guidare il cambiamento; basterebbe, alle prossime elezioni, non votare più quei candidati che in Consiglio comunale cambiano partito o si dichiarano autonomi.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati