Piazza Armerina.COSTITUITO COMITATO D’AREA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO LUIGI STURZO

Nasce in città il Comitato d’Area della banca di Credito Cooperativo Luigi Sturzo, il giovane istituto di credito con sede a Caltagirone e alla ricerca di una fetta del mercato nel comprensorio Piazza Armerina-San Michele di Ganzaria-Mirabella Imbaccari, con capofila la città dei mosaici. Ad essere nominato presidente l’imprenditore Benedetto Anzaldi. Scopo del comitato “cementare il rapporto della banca con la base sociale” e portare all’apertura di una filiale dell’istituto di credito in città. “Si tratta di una banca destinata alle piccole imprese, un istituto di credito che tiene conto delle esigenze del territorio e delle imprese che vi operano”, afferma Benedetto Anzaldi, nominato presidente del Comitato appena costituito. Il primo e per ora unico sportello bancario è stato aperto a Caltagirone. Il Comune armerino già nel 2005, con una delibera della giunta, ha aderito alla banca, in qualità di socio fondatore, con una quota di 8.470 euro, pari a 164 azioni. Il comitato promotore del credito cooperativo era stato costituito il 31 maggio del 2003. Anche la Diocesi è titolare di alcune quote. Ogni socio non può essere titolare di una quota sociale superiore ai 50 mila euro. Ogni azione, invece, ha un valore di 51,65 euro, mentre ciascun cittadino può diventare socio sottoscrivendo un pacchetto minimo di 30 azioni, corrispondente ad un capitale di 1.549,50 euro. Il piano industriale prevede l’apertura di uno sportello bancario in città. “Occorrerà raggiungere almeno quota 200 quote sottoscritte nel nostro comprensorio per poterci garantire l’apertura di una filiale nella nostra città, e l’obiettivo è di riuscirci entro la fine dell’anno”, spiega il presidente Anzaldi. A far parte del comitato anche Giuseppe La Paglia, Cettina Rizzo, Giuseppina Zagarrio per Piazza Armerina, Lo Tauro e Filetti in rappresentanza dei soci del comune di Mirabella. Finora sono circa 120 le quote già sottoscritte. “La presenza di una banca di questo tipo sul territorio è condizione indispensabile per la sua crescita, tali banche per obbligo statutario devono investire il 50 per cento dei propri fondi verso i soci, mentre il resto nel territorio di competenza”, aggiunge Salvo Amato, componente del Cda del credito cooperativo Luigi Sturzo. E intanto si punta a poter ottenere fin da subito in città un punto bancomat per ridurre la distanza con Caltagirone


Roberto Palermo

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati