PIAZZA ARMERINA. BUFERA NEL CENTRODESTRA per la nomina di Alessio Gagliano all’Asi

Arrivano le designazioni dei primi sottogoverni e la bufera politica è in procinto di scatenarsi. Lo scalpore nasce dalla nomina di Alessio Gagliano, figlio di un noto esponente politico eletto nella lista del Pdl, ed ex amministratore nella giunta Prestifilippo.


Tre erano i membri che il sindaco Nigrelli doveva designare all’Asi, consorzio per lo sviluppo industriale della Val di Dittaino. Oltre ad Alessio Gagliano sono stati designati Arcangelo Costa, area Ferrara Pd e Lo Bartolo Fabrizio area Margherita vicino alle posizioni di Massimiliano La Malfa. Nominati anche i membri del consiglio d’amministrazione della Casa di Riposo San Giuseppe: Luciano Di Dio area Pd candidato nelle scorse elezioni amministrative e Salvatore Roccaverde ex consigliere comunale della Rete, negli anni 90, vicino alle posizione del sindaco Nigrelli.  Nel centro destra i primi mugugni: “Non c’è niente di strano del resto era ovvio che bisognava ringraziare chi ha tradito il centro destra rendendosi protagonista dell’inciucio che ha determinato la vittoria di Nigrelli.” Ancora simpatizzanti del centro destra commentano la notizia in questi toni: “Che si faccia chiarezza fino in fondo almeno conosciamo chi realmente ci ha tradito, chi ha sventolato la bandiera del centro destra chiedendo voti ai cittadini per venderli miseramente all’altra parte politica.” Le dichiarazioni a caldo non si fanno attendere e con ogni probabilità le tensioni che montano in questi giorni verranno trasferite dentro l’arco dei partiti del centro destra.


 


Fonte:enzograssia.it

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati