Piazza Armerina : arresato un giolielliere che coltivava Marijuana

Arrestato dagl’uomini del locale commissariato di Piazza Armerina guidati dal Vice Questore aggiunto dott. Giancarlo Consoli un gioielliere , molto conosciuto in città, sorpreso a coltivare nella propria campagna piante di Marijuana che gli assicuravano un reddito alternativo in un momento in cui la crisi si fa sentire anche in attività commerciali che in passato erano ritenute solide. La polizia che svolge un attento lavoro di ispezione nelle campagne armerine aveva individuato la piantagione e seguendo il gioielliere, risultato proprietario dell’appezzamento di terreno, lo ha arrestato in flagranza di reato. La coltivazione di  Marijuana è molto diffusa nelle nostre zone e risale all’inizio degl’anni 70 quando alcune comunità Hippy si insediarono nel nostro territorio. Oggi la produzione di stupefacenti è , per qualcuno, un ottimo affare e spesso le indagini di polizia e carabinieri, hanno dimostrato come esita una rete di spacciatori molto articolata nel nostro territorio tale da assicurare una distribuzione capillare del prodotto. A cadere nella trappola della droga sono spesso ragazzi molto giovani che vedono nello “sballo” del sabato sera uno sfogo alle loro frustrazioni o semplicemente un modo per adeguarsi al “branco”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati