PIAZZA ARMERINA: APPROVATO IL BILANCIO COMUNALE. LA CRONACA DELLA SEDUTA.

La seduta del Consiglio comunale di ieri sera si è conclusa con l’approvazione del bilancio comunale, votato solo da 7 consiglieri. Assenti Angelo Trebastoni e Vincenzo Filetti , il resto ha abbandonato l’aula.Quella che segue la cronaca della seduta presieduta prima dal presidente Centonze e poi dal suo vice , Carmelo Gagliano. I lavori si sono aperti con due dichiarazioni: la prima del Consigliere Calamaio che ha chiesto un minuto di Silenzio in memoria del giudice Paolo Borsellino e la seconda del Sindaco Carmelo Nigrelli che ha riferito di un incontro con il direttore generale dell’ASL di Enna, Nicola Baldari sulla problematica relativa alla funzionalità del servizio di cardiologia dell’ospedale Chiello. L’ordine del giorno prevedeva al primo punto la votazione su una serie di emendamenti sul bilancio di natura tecnica, ovvero di quelle variazione necessarie ad adeguare entrate ed uscite in base a esigenze di natura contabile. Si è dunque passati all’approvazione degli emendamenti proposti dai consiglieri comunali . Il primo ad essere trattato è stato quello relativo all’istituzione di un premio di natalità di duecento euro a favore delle mamme che avessero deciso di partorire all’ospedale Chiello. L’emendamento, proposto dal consigliere Carmelo Gagliano, è stato bocciato perché non ritenuto utile all’obiettivo di incrementare il servizio di ostetricia all’ospedale armerino. Si è proseguita la seduta con l’analisi dell’emendamento proposto dai consiglieri autonomisti del PD Giuseppe Capizzi, Franco Azzolina, Luca Failla, il presidente del consiglio Calogero Centonze e Fabio Monatersi che prevedeva una riduzione delle somme riservate al servizio di asilo nido a favore del capitolo di spesa per il pagamento degli stipendi ai precari del comune. Su questo emendamento si è dibattuto a lungo anche perché caratterizzato da una forte connotazione politica che ha reso palese lo scontro interno nel partito democratico armerino, tra due correnti che ormai d tempo viaggiano su binari separati. L’emendamento è stato bocciato con i voti del centrosinistra fedele all’amministrazione e parte dei voti dell’opposizione. Se l’emendamento fosse stato approvato avrebbe provocato una riduzione del personale dell’asilo nido e , come ha fatto notare il Sindaco Nigrelli, ad una riduzione qualitativa del servizio. Subito dopo la votazione i cinque dissidenti hanno dato lettura di un documento di critica all’Amministrazione e abbandonato l’aula. La seduta è proseguita con la votazione di altri emendamenti tra i quali segnaliamo quello proposto dal consigliere Basilio Fioriglio che ha proposto l’istituzione di un fondo di 30.000 euro per le divulgazione degli atti amministrativi del consiglio comunale e , mediante il quale, i lavori del consiglio  in futuro potrebbero essere ripresi dalle telecamere. Al termine si è proceduto alla votazione finale sul bilancio. Pino Grillo, Eduardo Lotario, Ilenia Adamo, Riccardo Calamaio e Pino Venezia, più l’indipendente di sinistra Vitali e il consigliere dell’UDC Calogero Cursale hanno votato a favore. Hanno abbandonato l’aula i consiglieri di opposizione Rosario Paternicò, Pdl, e l’indipendente Renato Incardona. Si sono astenutii consiglieri del centro destra Giuseppe Falcone, il capogruppo del Pdl Carmelo Gagliano e l’indipendente Basilio Fioriglio.      

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati