PER IL RIENTRO DELLA VENERE DI MORGANTINA AD AIDONE INCONTRO TRA TUTTE LE FORZE POLITICHE

E’ una condivisione totale quella che regna tra tutte le forze politiche di Aidone su un grande tema come quello del ritorno della Venere di Morgantina. La conferma si è avuta venerdì 6 novembre in occasione dell’incontro svoltosi a Palazzo di città promosso dal sindaco Filippo Gangi e la giunta nella sua interezza con tutte le forze politiche in città. Presenti all’incontro i rappresentanti del Pd, Pdl, Mpa, Udc e della lista civica Liberi Per Aidone e dell’intero consesso civico. Un incontro come ha commentato al termine il primo cittadino Filippo Gangi, molto costruttivo che ha fatto risaltare il clima di grande serenità, sempre nel rispetto dei ruoli che regna in questo momento nella politica aidonese, ed in particolare per un importante evento come appunto il rientro della Venere di Morgantina previsto per la fine del 2010 e che porterà il comune di Aidone alla ribalta mediatica mondiale. “Stasera è stato confermato che la classe politica di Aidone nella sua interezza sta dimostrando grande maturità – ha commentato al termine dell’incontro il sindaco Filippo Gangi – riuscendo a mettere da parte le casacche politiche e cercando di dialogare per raggiungere un fine comune. E’ chiaro che ognuno continuerà a svolgere la propria attività nel rispetto dei ruoli. Ma quando questo viene fatto con il fine di raggiungere un obiettivo comune, confrontarsi diventa molto più facile”. Il sindaco Filippo Gangi ha aperto l’incontro informando tutti i presenti su quali sono i passaggi compiuti dall’amministrazione comunale, sempre all’insegna del dialogo e la collaborazione con tutti gli altri soggetti interessati all’evento, dalla Presidenza della Repubblica, al Ministero dei Beni Culturali dalla Regione, alla Provincia, alla Soprintendenza all’Università Kore. Un percorso quello tracciato insieme che ha portato ad una sorta di unica cabina di regia dove ognuno sta lavorando in base alle proprie competenze e che sta portando a fatti concreti da parte della Giunta di governo regionale, dell’Ars e del parlamento nazionale che sosterranno fattivamente con provvedimenti legislativi l’evento del ritorno della Venere. Ma non meno importante è il ruolo che stanno svolgendo la Soprintendenza e la Kore. Proprio l’ateneo ennese si è impegnato a contribuire nella redazione del progetto di recupero della chiesa di San Domenico ma anche di altre infrastrutture necessarie a supportare tale evento come la realizzazione di parcheggi. A tal proposito lunedì 9 novembre saranno ad Aidone il presidente dell’università Kore Cataldo Salerno e i presidenti delle Facoltà di Ingegneria e Arte e Comunicazione Giovanni Tesoriere e Liborio Termine per un primo sopralluogo sugli interventi che dovranno essere effettuati. Un percorso che è stato condiviso dai rappresentanti delle forze politiche che lo hanno ribadito negli interventi di Sonia Gangi, Carmelo Donatello, Salvatore Rinaldo, Gaetano Calcagno, Nuccio Lo Monaco, Lorenzo Calcagno Pino Di Franco. “L’aria di grande entusiasmo e della tanta voglia di fare all’insegna della serenità e della collaborazione e sinergia che regna in questo momento in tutta la comunità aidonese è stata confermata anche da questo incontro – ha detto al termine della riunione il sindaco Filippo Gangi – dove l’intera classe politica locale ha dimostrato ancora una volta grande senso di responsabilità su un grande tema come appunto il rientro della Venere. Adesso il primo banco di prova cui saremo chiamati sarà il 13 dicembre quando ad Aidone esporremo gli Acroliti (due teste in marmo di grandezza naturale e due coppie di mani e piedi dello stesso materiale delle divinità di Kore e Demetra) e dove saremo chiamati ad un grande ed unitario sforzo organizzativo”.     

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati