Ospedale Chiello–Incongruenze nel Piano Sanitario, l’assessore convoca i dirigenti dell’ASP di Enna

Ieri mattina i sindaci di Leonforte e Piazza Armerina sono stati ricevuti dall’assessore regionale alla Sanità,  Baldo Gucciardi a cui hanno esposto la situazione dei rispettivi ospedali a rischio chiusura. L’assessore, dopo aver ascoltato i due primi cittadini, ha chiesto di avere concesso del  tempo per poter analizzare la documentazione relativa al Piano Sanitario  inviato dall’ASP di Enna. Per tale motivo i sindaci sono stati riconvocati  per domani mattina alle 11.00.


Siamo in grado di anticiparvi ciò che verrà comunicato a Filippo Miroddi e Francesco Sinatra  nell’incontro previsto per domani a Palermo.  


Subito dopo l’incontro di ieri con i sindaci l’assessore Gucciardi ha incontrato il deputato regionale Luisa Lantieri che, oltre aver analizzato con lo stesso assessore la documentazione fornita dall’ASP,  ha ribadito all’amministratore l’importanza dei due nosocomi e la necessità di valutare con attenzione le implicazioni di carattere socio-sanitario che scaturirebbero dalla chiusura o dal ridimensionamento di due strutture così importanti per il territorio.


Questa mattina intorno alle ore 10.00 l’On. Luisa Lantieri si è recata all’assessorato alla sanità dove ha incontrato i funzionari assieme ai quali  ha proceduto ad analizzare il Piano Sanitario presentato dall’Asp di Enna. Nel corso dell’incontro sul documento sono state riscontrate, dagli stessi funzionari dell’assessorato, alcune incongruenze tali da convincere l’assessore Gucciardi a convocare per i prossimi giorni i vertici dell’Asp a Palermo per chiedere chiarimenti. La decisione verrà comunicata all’Azienda Sanitari Provinciale nei prossimi giorni  e ai sindaci dei Leonforte e Piazza Armerina nell’incontro previsto per domani..


In particolare l’Asp dovrà spiegare all’assessorato perché, pur avendo a disposizione un somma superiore per gestire gli ospedali, circa 102 milioni di euro nel 2015 rispetto ai 95 milioni del 2014, sta procedendo ad una forte riduzioni di servizi sanitari  negli ospedali di Piazza Armerina e Leonforte.
“Il problema del personale da utilizzare nei due presidi – dichiara l’On. Luisa Lantieri – sollevato dall’Asp di Enna, non tiene conto dell’impegno e della buona volontà dei medici e dei paramedici attualmente impiegati  che, con spirito di sacrificio, sono riusciti a sopperire alle carenze della pianta organica offrendo sempre un servizio di altissimo livello”.
“Diventa indispensabile una rimodulazione del Piano – continua l’On. Lantieri – perché questa è l’unica strada percorribile per difendere i due presidi ospedalieri. Sono fiduciosa nell’operato dell’assessore Gucciardi e dei funzionari che lo collaborano e che hanno dimostrato, come sempre,  di avere la sensibilità e la competenza necessaria”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati