Oggi a Gela si è svolto il 2° convegno regionale dei liberi consorzi.

È stato presentato oggi al Palazzo di Città di Gela il 2° convegno regionale sui Liberi Consorzi, che si svolgerà il 13 febbraio 2015 alle ore 10:00 presso il Teatro Garibaldi di Piazza Armerina.
Presenti il Sindaco di Gela Angelo Fasulo, il Sindaco Filippo Miroddi ed il Consigliere Salvatore Alfarini di Piazza Armerina, l’Ass. Mario Marino ed il Consigliere Elisa Privitera di Caltagirone, e due folte delegazioni in rappresentanza del CSAG, e del Comitato pro Referendum di Piazza Armerina rappresentato da Salvatore Murella. Assente il Sindaco di Niscemi impegnato a Roma.
I sindaci di Gela e Piazza Armerina hanno espresso la speranza che che il legislatore proceda con la riforma mantenendo la direzione data con la legge regionale 8 dell’anno scorso.

L’Assessore Marino di Caltagirone ha parlato di collaborazione tra i territori vicini ponendo in evidenza come la omogeneità territoriale possa favorire lo sviluppo economico in considerazione della sua vocazione agricola.
Toccante l’intervento di Salvatore Murella Portavoce del Comitato Pro Referendum di Piazza Armerina, che facendo un breve excursus storico, ha concluso dicendo “noi vogliamo stare con chi diciamo noi”.

Il Coordinatore CSAG Filippo Franzone ha ricordato che questo convegno è il frutto di incontri avuti nei mesi scorsi con il Presidente ARS Ardizzone, il Presidente ANCI Sicilia Orlando, Il Sen. Enzo Bianco ed il Presidente della Regione Rosario Crocetta.
Il componente CSAG, nonché Presidente dei Comitati di Quartiere di Gela, Carmelo Tandurella ha ricordato degli sforzi fatti per promuovere il Referendum, nel luglio 2014, con una estenuante promozione porta a porta.

Infine Patrizio Roccaforte Componente del Comitato Pro Referendum di Piazza Armerina ha evidenziato che le conseguenze di un dietrofront, da parte del legislatore, sarebbero gravi e determinerebbero un grave clima di sfiducia nelle istituzioni.
Il Convegno è stato patrocinato dall’ARS e dai Comuni di Piazza Armerina, Gela, Niscemi e Caltagirone, congiuntamente con il Comitato Pro Referendum di Piazza Armerina ed il CSAG.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *