MEDITERRANEO: LOMBARDO E BASSOLINO PER FESTIVAL INNOVATIVO

PALERMO, 22 feb 2010 (SICILIAE) – Sicilia e Campania, insieme per tre anni, nel progetto “Le Citta’ del Mediterraneo”, che vedra’ coinvolte dal 2010 al 2012 alcune delle principali citta’ del bacino del Mediterraneo. Sono stati il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, e il presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, ad illustrare i dettagli dell’iniziativa.”Assieme alla Campania – ha detto Lombardo – saremo protagonisti di un festival dalla concezione veramente innovativa. Da giugno a settembre, in dieci posti diversi della Sicilia, ospiteremo venti musei di arte contemporanea del mediterraneo che esporranno le loro opere. La Sicilia per tre mesi diventera’ il punto di riferimento di migliaia di appassionati che verranno nella nostra isola per ammirare capolavori unici e per visitare una terra da sempre simbolo di accoglienza e ricca di bellezze naturali, uniche al mondo. Nei prossimi mesi, e nel corso del progetto, siamo convinti che la Sicilia avra’ una centralita’ non solo geografica e culturale ma anche turistica”.L’accordo, con il sostegno del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero degli Esteri, affida a Riso, Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia, e alla Fondazione Campania dei Festival la gestione progettuale e operativa della manifestazione. Il progetto ha l’obiettivo di favorire il dialogo, l’interscambio e la collaborazione nel settore della cultura e dell’arte tra i paesi che si affacciano sulle sponde nord e sud del Mediterraneo (Marocco, Libano, Siria, Tunisia, Algeria, Egitto, Spagna, Grecia, Turchia). “Sabato 6 marzo – ha aggiunto Bassolino – incontreremo a Napoli, assieme al presidente Lombardo, i rappresentanti delle citta’ che si affacciano nel mediterraneo. Metteremo assieme due esperienze importanti, da una parte il teatro con la Fondazione Campania dei Festival, dall’altra la Sicilia con Riso e con la Fondazione Puglisi Cosentino con l’arte contemporanea. Questi due grandi pilastri daranno vita ad una serie di iniziative culturali, nella certezza che la cultura e’ il veicolo piu’ importante di dialogo e di confronto, all’insegna di un’identita’ comune, delle piu’ importanti realta’ del mezzogiorno”.Alla conferenza stampa hanno partecipato l’assessore regionale all’Identita’ Culturale, Gaetano Armao; Rachele Furfaro, presidente della Fondazione Campania dei Festival e consulente per la Cultura della Regione Campania e Renato Quaglia, direttore artistico del progetto “Le citta’ del Mediterraneo”.”Il nostro patrimonio, ricco di storia e tradizioni millenarie – ha detto l’assessore Armao – rappresenta un tesoro unico al mondo, la cui immagine non guarda solo al passato ma riesce a proiettarsi nel futuro. Nei prossimi tre anni sara’ proprio l’arte contemporanea a svolgere questo ruolo determinante per promuovere e valorizzare la modernita’ della nostra isola”. “Non e’ un caso – ha spiegato Rachele Furfaro – che il mezzogiorno cominci a parlarsi attraverso la cultura. L’auspicio e’ che il dialogo coinvolga anche quelli che ci sono piu’ vicini, che premono alle nostre frontiere. Per questo l’accordo siglato da Campania e Sicilia prevede l’allargamento ad altre regioni del Sud Italia che si auspica vorranno aderire”. Secondo Renato Quaglia “il progetto realizza una collaborazione tra due istituzioni culturali, capaci si sviluppare un’elevata integrazione di risorse culturali, economiche e di internazionalizzazione”.


 

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati