L’INVITO DI SALERNO AL PONTEFICE SUSCITA REAZIONI IN PROVINCIA DI ENNA

Dopo le dichiarazioni del presidente della provincia Cataldo Salerno che ha invitato il Papa , Benedetto XVI, all’università continuano in provincia le reazioni di segno opposto. Mentre i Giovani Comunisti Italiani attraverso un comunicato affermano che “La campagna elettorale per le prossime elezioni provinciali è evidentemente già iniziata; leggiamo in questo senso lo stravagante invito rivolto da Cataldo al Pontefice ad intervenire all’Università di Enna” il consiglio comunale di Barrafranca approva una mozione  presentata da Forza Italia nella quale Deplora e condanna il fatto che alcuni docenti dell’Università la Sapienza di Roma ed un gruppo minoritario di studenti hanno impedito ad altre migliaia di studenti, docenti, personale tecnico-amministrativo dell’ateneo di ascoltare il Santo Papa su un tema, quale la pena di morte, sul quale il suo alto magistero si è in più occasioni espresso, in difesa dei diritti dell’uomo. Esprime la massima solidarietà a Papa Benedetto XVI , alle istituzioni religiose , alla CEI e a tutti coloro che , nel rispetto della diversità del pensiero di altri , difendono con forza i valori della vita , della persona e della famiglia  contro il relativismo ;f a propria la proposta del  Presidente della  Università KORE di Enna ad invitare Papa Benedetto XVI   a Enna a visitare  e a tenere un lectio magistralis  nell’Università di Enna  sui temi della difesa della vita e della persona.


(Nella foto Totò Marchi – Consigliere comunale di Barrafranca)

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati