Leonforte. Sentenza definitiva:arrestati i genitori che facevano prostituire la figlia

[COMUNICATO STAMPA] Nel corso della mattinata odierna  gli uomini della Squadra Mobile di Enna, diretti dal Vice Questore Aggiunto Dott. Gabriele Presti, unitamente agli uomini del Commissariato di Leonforte, diretti dal Commissario Capo Dott. Alessio Puglisi,  hanno eseguito tre ordini di esecuzione per la carcerazione emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna, nei confronti di due coniugi e di un anziano, tutti responsabili, in concorso tra loro, del reato di violenza sessuale e prostituzione minorile.
I fatti risalgono al 2005, allorché due genitori della provincia  costringevano la figlia, allora quindicenne, ad avere rapporti sessuali con un anziano, il quale pagava le prestazioni ai due genitori; da tale relazione è nata, inoltre, una bambina.
Le indagini, condotte all’epoca dalla Squadra Mobile di Enna, hanno permesso di accertare come la ragazza fosse stata costretta ad avere tali rapporti sessuali fino al 2008, quindi per circa tre anni, e grazie all’esame del DNA è stato, inoltre,  possibile accertare che il padre della bambina fosse effettivamente l’anziano.
In particolare, lo scorso 8 giugno, la Suprema Corte di Cassazione ha confermato la sentenza della Corte d’Appello di Caltanissetta, rendendo definitive le condanne a 8 anni di reclusione per la madre, 5 anni e quattro mesi per il padre, e 2 anni e 6 mesi per l’anziano.
Espletate le formalità di rito i tre sono stati associati presso la casa circondariale di Enna. 

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati