Le Imprese Rosa crescono di più di quelle maschili e resistono meglio alla crisi

Gulino “ per loro servizi, credito e formazione per innovare e competere” Alla presenza di un numeroso pubblico composto da imprenditrici, amministratori pubblici, dirigenti delle organizzazioni di categoria e rappresentanti del mondo delle pari opportunità, è stato presentato il Report sull’imprenditoria Femminile in provincia di Enna realizzato dalla Camera di Commercio in collaborazione con il CIF (Comitato per l’Imprenditoria Femminile della CCIAA). Lo studio è il secondo “Report” e si configura come un prosieguo ed un approfondimento della ricerca già realizzata nel 2007. Il rapporto è stato detto in apertura dei lavori dalla V. Presidente del Comitato Imprenditoria Femminile della CCIAA, Lucia Russo si propone di offrire, a beneficio non solo dell’ente camerale ma anche di tutti gli altri attori istituzionali e dello sviluppo locale chiamati a formulare politiche ed a compiere scelte in grado di incidere sul fenomeno in esame, un patrimonio di dati e informazioni sull’imprenditoria femminile in provincia, finalizzato a monitorare e mappare la componente imprenditoriale femminile locale esaminandone la situazione e l’evoluzione e, a fornire un contributo conoscitivo alla progettazione e realizzazione di politiche e linee di attività a supporto della promozione e innalzamento della competitività, quanto più coerenti con i reali fabbisogni e rispondenti alle esigenze emergenti dalle stesse. Le imprese femminili in provincia di Enna, con 4.516 pari al 28,23% sul totale delle imprese iscritte alla CCIAA, rappresentano un fenomeno importante e caratterizzante. Il dato ennese segna un più 3,5% rispetto alla media siciliana e più 4,9% rispetto alla media nazionale.  I settori che registrano il maggiore tasso di femminilizzazione imprenditoriale sono quello dell’agricoltura con 2039 imprese (45%), il commercio 1.109 ( 25%), attività di alloggio e ristorazione 240 (5,3%), attività di servizi 231 (5%), attività manifatturiere 203 (4,5%), costruzioni 128 (3%). Lo studio presenta anche, sulla base delle tendenze espresse, una mappa delle opportunità nei diversi settori.
 
Il Comune che in provincia di Enna ha la più alta percentuale di imprenditoria femminile è Pietraperzia con il 39%, seguita da Sperlinga 37% e Aidone 34%. Il Comune con il più basso tasso è Troina con il 21%. Molte sono ancora le potenzialità inespresse, questo il dato che emerge, anche per il perdurare di condizionamenti storico-culturali che rendeno, poi, ancora aspri e difficoltosi i percorsi professionali delle donne, rispetto ai colleghi uomini, ed in questo concorrono le differenze retributive e le persistenti problematiche di conciliazione tra lavoro e maternità e tra i tempi di vita e i tempi del lavoro. Sulla ricerca condotta e su tutte le tematiche evidenziate nello studio si sono confrontati, partendo anche da esperienze diverse, gli interventi che si sono susseguiti a cominciare dal Preside della Facoltà di Economia e Commercio dell’ “Università Kore” Giacomo Mulè, l’ Assessore Provinciale alle pari opportunità Geppina Savoca, la Presidente della Comm. Pari opportunità Provincia di Enna Anna Di Rosa, la Consigliera Provinciale di Parità Claudia Serio. 
Dagli interventi e anche emersa la difficoltà di accesso agli incentivi delle leggi Nazionali e Regionali a sostegno dell’impresa femminile e dei suoi dipendenti, alla formazione e alla ricerca per l’innovazione, tutti elementi evidenziati come punti di debolezza che bisognerebbe colmare. Numerosi anche gli interventi di imprenditrici di diversi settori, stimolati anche dai relatori, che hanno testimoniato la loro esperienza di donne e imprenditrici e le difficoltà nel fare impresa dovuta all’assenza di servizi e anche al perdurare di condizionamenti storico-culturali-sociali spesso provenienti dalla società ma anche dallo stesso ambito familiare e privato. Molti gli spunti di analisi e riflessione emersi dal dibattito e dall’intervento conclusivo del Presidente della Camera di Commercio Liborio Gulino, il quale ha voluto tracciare una quadro della situazione dell’impresa in provincia di Enna con un occhio particolare all’impresa al femminile, ponendo l’accento su alcune necessità a cominciare dalle  infrastrutture e dai servizi, dalla formazione e dalle difficoltà di accesso al credito nonchè sulla ricerca per l’innovazione su cui la Camera di Commercio di Enna è fortemente impegnata insieme all’Università “Kore” di Enna IL Presidente Gulino ha raccolto l’invito, venuto da diversi interventi sulla necessità di “fare rete” ed ha avanzato la proposta di un tavolo di concertazione fra i diversi Comitati al fine di elaborare idee e progetti di sviluppo del territorio soprattutto in settori importanti in cui è maggiormente presente l’impresa femminile come l’ Agroalimentare, il Turismo ed i servizi dell’accoglienza. E’ fondamentale, ha concluso Gulino, proseguire nel sostegno volto a favorire e rafforzare il ruolo dell’imprenditoria femminile e a promuovere nuova imprenditorialità “rosa” che può giocare, per il potenziale che essa esprime e che ha ancora da esprimere, un ruolo importante tra i fattori di sviluppo economico ed occupazionale del territorio. Il “Report” può essere richiesto alla Segreteria della Camera di Commercio di Enna o scaricabile dal sito
www.cameradicommerciodienna.it.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati