L’ASSESSORE CENTORRINO : TEMPO PIENO NELLE SCUOLE E RIFORMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

PALERMO – “Intendo realizzare, naturalmente sentendo tutti, almeno tre cose che, sicuramente, possono avere un collegamento tra lor l’istituzione del tempo pieno nelle scuole, la riforma della formazione professionale e un intervento sulle Università che consenta di dirottare parte della stessa formazione su attività come quelle dell’orientamento e del placement, cioè la collocazione nel mercato del lavoro”. L’assessore all’Istruzione e Formazione professionale, Mario Centorrino, apre al Tgweb (www.regione.sicilia.it/tgweb) la propria agenda di lavoro. Una sorta di dichiarazione programmatica che il telegiornale della Regione siciliana ha fatto fare a tutti i componenti del nuovo esecutivo, impegnati a confrontarsi anche con le novità introdotte dalla riforma dell’amministrazione. E proprio l’attuazione della riforma, come spiega nel nuovo numero del tg Caterina Chinnici, titolare della delega alle Autonomie locali e alla Funzione pubblica, “è l’obiettivo prioritario del mio assessorato”. “Un obiettivo estremamente oneroso – dice la Chinnici – perché siamo di fronte ad una svolta epocale: bisogna semplificare le procedure amministrative, uniformandole, per dare risposte efficaci e tempestive. Questo comporta anche il trasferimento materiale dei diversi uffici che compongono le competenze degli assessorati, traslochi veri e propri di strutture e personale. Ma è un sacrificio che alla fine sarà ricompensato dai benefici che ne trarranno cittadini e imprese”. L’assessore al Turismo, Sport e Spettacolo, Nino Strano, assicura che si impegnerà per “rendere più facili gli investimenti agli operatori e più semplici, ai cittadini, i percorsi attraverso i quali avvicinarsi al mondo del teatro, del cinema e, più in generale, del turismo”. “Occorre – spiega – uno snellimento burocratico e una velocizzazione del bilancio, da rendere operativo nei primi tre mesi dell’anno perché investire nel turismo significa preparare, da subito, un cartellone di eventi e di occasioni accattivanti per spingere la gente a venire in Sicilia”. Infine, per l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Luigi Gentile, “esistono ormai le condizioni per rimettere in moto diverse economie e risorse che consentano di ridurre il gap infrastrutturale che ancora esiste tra nord e sud, ottenendo considerevoli benefici anche sotto l’aspetto occupazionale”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati