La Camera di Commercio pubblica la «raccolta provinciale degli usi e delle consuetudini »

La Camera di Commercio di Enna ha pubblicato, a distanza di molti anni dall’ultima, la nuova “Raccolta provinciale degli usi e delle consuetudini della Provincia di Enna”. Il Presidente della Camera di Commercio, Liborio Gulino, nel presentare la raccolta, ha fatto presente che sebbene sia stati coinvolte Istituzioni, Ordini professionali, Associazioni di categoria e sindacali nella segnalazione di proposte di modifica o integrazione degli usi vigenti, a fine 2009 non è pervenuta alcuna proposta, osservazione o rilievo alla vigente raccolta. La Commissione presieduta dai Magistrati Dott. Pasqualino Bruno Presidente e Dott.ssa Elisabetta Mazza Vice Presidente, a cui va il ringraziamento della Camera di Commercio per la sensibilità e professionalità con cui hanno gridato la Commissione, nel prendere atto che nessuno dei soggetti coinvolti ha presentato proposte, osservazioni o rilievi, ha proposto la conferma della raccolta anche per il prossimo quinquennio. Il presidente camerale attribuisce il mancato consolidarsi di nuovi usi nella provincia da una parte  al fatto che l’economia ennese, essenzialmente agricola e basati su rapporti personali prima ancora che economici, è ancorata a tradizioni e comportamenti profondamente radicati nel tempo, per cui sarebbe difficile far accettare nuovi usi. D’altro canto, il Presidente Gulino afferma anche che nell’era delle transazioni commerciali sul mercato globale, l’”epoca dell’economia basata sulla ‘stretta di mano’ appare solo destinata ad animare la sceneggiatura di un film storico”.  “Eppure – afferma ancora Gulino – pare stia tutta in questa apparente contraddizione, tra un tradizionalismo radicato e un’accelerazione estrema dei rapporti economici, l’essenza del lento e inesorabile progresso che accompagna lo sviluppo economico e sociale, anche di questo nostro territorio”. La raccolta è pubblicata sul sito camerale www.cameradicommerciodienna.it.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati