Iraq, l’esercito riconquista la città di Ramadi, roccaforte Isis


Le truppe dell’esercito iracheno sono riuscite a entrare a Ramadi e a strappare la città al controllo dello Stato Islamico: a renderlo noto sono fonti della BBC, che hanno spiegato che le truppe di  Baghdad sono riuscite ad assumere il controllo di alcuni importanti edifici e contano di avanzare con lentezza ed attenzione, nel timore che i miliziani possano aver minato le case. I combattenti dell’Isis sarebbero fuggiti a nord est della città.



La notizia della riconquista di Ramadi trova conferma anche tra i funzionari dell’esercito iracheno: “Stiamo bonificando dalle bombe le strade e gli edifici attorno al complesso per preparare l’irruzione. Credo che saremo dentro da circa un’ora”, ha affermato un portavoce delle forze di sicurezza.L’assunzione del controllo della città potrebbe significare la più importante vittoria delle truppe governative dal 2014, quando hanno preso quasi un terzo del Paese. Il successo dell’esercito iracheno avrebbe un importante strategico, in quanto allontanerebbe allontanerebbe la minaccia jihadista da Baghdad e faciliterebbe la prosecuzione dell’avanzata verso Mosul, roccaforte del Califfato in Iraq.


La riconquista di Ramadi è al centro della strategia delle truppe governative da circa cinque giorni, cioè da quando è stata lanciata una massiccia offensiva ai miliziani Isis. L’avanzata delle truppe ha trovato però non pochi ostacoli, in primis nel dispiegamento di innumerevoli ordigni nelle strade e nella presenza di cecchini appostati sui tetti. Determinante è quindi stato il supporto aereo della Coalizione Internazionale, che ha massicciamente bombardato le zone controllate dallo Stato Islamico facilitando l’avanzata dei militari.


 



 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati