Ilenia Adamo vicepresidente del Consiglio comunale.

Ilenia Adamo è il nuovo vicepresidente del Consiglio Comunale di Piazza Armerina. E’ stata eletta nella seduta di ieri con i voti di una parte del PD , dell’Udc e del Pdl. Contro di lei hanno votato invece i “dissidenti” del PD che continuano a mantenere in consiglio comunale una netta contrapposizione alla linea dell’Amministrazione comunale in carica. L’’anarchia intellettuale che regna sovrana in tutta la politica italiana si è anche impadronita del Consiglio comunale di Piazza Armerina. Sono saltati schemi e punti di riferimento, per cui non c’è da sorprendersi nel vedere che il Pd e il Pdl stringono alleanze per scopi politici, mentre una parte del partito di maggioranza percorre tragitti diversi. Per fortuna la capacità di influenzare la vita sociale e amministrativa di questo paese da parte dei consiglieri è molto limitata. L’unica mossa che potrebbe portare un danno alla collettività , ovvero la presentazione di una mozione di sfiducia al Sindaco, sembra non attirare nessuno. La cronaca politica rimane dunque noiosa e poco interessante per cittadini che hanno problemi più gravi a cui pensare e con i quali confrontarsi. Gli articoli di stampa e le veline politiche occupano blog e giornali locali e , nonostante l’impegno, è difficile , la maggior parte della volte, trovarvi qualcosa che possa interessare l’opinione pubblica. E’ una fase, questa, in cui la politica armerina vive una situazione autoreferenziale. Non vi sono politici in grado di creare un contatto con la gente e quei pochi tentativi si sono rivelati solo sterili passerelle dove il politicante di professione viene a costruire il proprio consenso, in vista delle prossime elezioni, promettendo che Piazza Armerina diventerà il centro economico, sociale e culturale della Sicilia. Il prossimo consiglio comunale è fissato per venerdì . Il Sindaco risponderà ad alcune interrogazioni presentate per la maggior parte dal consigliere Fioriglio Basilio. Quella più interessante ci sembra sia l’interrogazione che riguarda la situazione sulla proprietà dell’area Siace.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati