IL SINDACO DI AIDONE FILIPPO GANGI SULLA VICENDA DELLA PRESUNTA NON POTABILITA’ DELL’ACQUA AD AIDONE

“Ho sempre pensato (e non ho ancora cambiato idea) che chi viene investito dell’altissimo onore di guidare una Comunità come la nostra, ma in generale credo, debba agire lungo due direttrici: il disinteresse e la buonafede – dice il sindaco di Aidone Filippo Gangi – però, avevo già messo in conto il rischio di non vedersi riconoscere, in certi frangenti,l’uno o l’altra o entrambi. La vicenda dell’acqua è emblematica in tal senso. Incredibilmente, alcuni soggetti, associazioni, comitati, movimenti a tutela o persone singole, sono convinti di essere i veri paladini della Comunità e ritengono l’Amministrazione Comunale una controparte con obiettivi non trasparenti o peggio. Voglio tranquillizzare tutti – continua il primo cittadino – detta convinzione è totalmente sbagliata e infondata. La vicenda è stata seguita “minuto per minuto”, interloquendo costantemente sia con l’ASP di Enna sia con il gestore del servizio di distribuzione. Peraltro, la situazione non ha mai assunto, per fortuna, profili di gravità preoccupanti ma contorni di ordinarie e fisiologiche anomalie cui è stato possibile, finora, sempre porre rimedio, senza difficoltà particolari. Invece, si è preferito, da parte di taluni, ingigantire i problemi, aggravare le situazioni, addirittura procurare allarme. Contro questi presunti mostri, in realtà innocui “mulini a vento”, le armi del dialogo, del confronto e della tolleranza, spesso, si rivelano impotenti. Due notazioni finali: l’odiosa commistione tra il ruolo privato e quello pubblico di una incauta professionista e la patetica saga degli ex.” Tutti coloro che volessero notizie sul comune di Aidone potranno collegarsi al sito www.comune.aidone.en.it

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati