IL DOTT. SEBASTIANO ARENA SUI PRESIDI TERRITORIALI DI ASSISTENZA:LE NOVITA’ DELLA RIFORMA RUSSO



Prendono forma i Pta (presidi territoriali di assistenza) che, secondo quanto previsto dalla legge regionale di riforma del sistema sanitario, avranno il compito di riqualificare i servizi territoriali. L’assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, ha illustrato le linee guida alla commissione sanita’ dell’Ars. I PTA costituiranno il nuovo modello per l’erogazione dei servizi sanitari a livello territoriale: verranno organizzati in modo appropriato, efficace ed efficiente i percorsi assistenziali dei pazienti in relazione ai loro bisogni di salute, con particolare attenzione ai pazienti con patologie a lungo termine. Verra’ data grande attenzione ai territori periferici, nei quali saranno mantenuti poliambulatori con le attivita’ specialistiche essenziali, quali cardiologia, ginecologia, medicina e oculistica. “L’istituzione dei Pta, insieme alla rimodulazione della rete ospedaliera – ha spiegato l’assessore Russo – e’ la grande scommessa che abbiamo fatto con la riforma del sistema sanitario e consentira’ di esaltare le grandi professionalita’ presenti sul territorio regionale a cominciare dalla figura dei medici di famiglia e dei pediatri di libera scelta che avranno un ruolo fondamentale. Stiamo promuovendo un modello piu’ funzionale e piu’ moderno, in linea con i sistemi sanitari piu’ evoluti. Ci vorra’ qualche mese prima di poter constatare gli effetti positivi di questa rivoluzione assistenziale ma siamo sicuri che attraverso i Pta potremo fornire un’assistenza molto piu’ completa e capillare ai cittadini e porteremo avanti il processo di deospedalizzazione che ha gia’ prodotto un miglioramento degli indici di inappropriatezza”.
Il Pta, che avra’ diverse formule a seconda della sua allocazione sul territorio (cittadina o periferica), si caratterizzera’ come punto unico di accesso per le cure territoriali, con all’interno il centro unico prenotazioni (Cup provinciale, collegato a quello regionale) e come punto di accesso alle cure domiciliari: prevedera’ inoltre uno sportello dedicato al “paziente fragile” (diabete, scompenso cardiaco con disabilita’), con l’obiettivo di attivare circuiti assistenziali privilegiati in base alle diverse esigenze. Nei Pta cittadini di maggiori dimensioni trovera’ allocazione un “punto di primo intervento”, la cui finalita’ sara’ quella di poter gestire urgenze di basso o medio livello, evitando di intasare i pronto soccorso per problemi minori. Nei Pta periferici, piu’ distanti dai grossi presidi ospedalieri, potra’ essere allocato un Pte (punto territoriale di emergenza), con apertura h. 24, collegato alla rete di emergenza – urgenza 118, in modo da poter trasferire rapidamente i pazienti che necessitano di ospedalizzazione e poter invece curare in loco le emergenza minori.
Tutte queste attivita’ saranno strettamente collegate alla rete dei medici di medicina generale, dei pediatri di libera scelta, dei medici della guardia medica (che saranno ivi allocate per garantire le h. 12 notturne): cio’ permettera’ una forte integrazione, attualmente piuttosto complessa, tra medici assistenziali e specialisti dei poliambulatori.
In questo disegno di riorganizzazione delle cure primarie del territorio si e’ voluto dare priorita’ ai pazienti cronici, che sono i piu’ problematici perche’ necessitano di esami e controlli ciclici e che spesso sono costretti a girovagare tra piu’ strutture senza alcun coordinamento. Sono tra l’altro i pazienti che si ricoverano piu’ frequentemente e che generano ingenti costi per il sistema sanitario, una buona parte dei quali legati alle disfunzioni organizzative. Per questi pazienti il piano prevede una gestione integrata tra i medici di medicina generale e gli specialisti e, per i pazienti piu’ complessi, la
realizzazione di una attivita’ di “day service” territoriale con team specialistici multi professionali che effettueranno controlli periodici per evitare lo scompenso della malattia e i frequenti ricoveri.
La riorganizzazione prevede anche un’altra importante novita’, la forte valorizzazione delle funzioni infermieristiche: sono infatti previsti ambulatori infermieristici nei Pta e una forte centralità dell’infermiere nella cura dei pazienti cronici.
Per assicurare il collegamento con i Pta, negli ospedali sara’ prevista l’istituzione di un ufficio territoriale che sara’ il riferimento per le “dimissioni protette” dei pazienti che hanno bisogno di assistenza domiciliare o residenziale e di “dimissioni facilitate” per tutti i pazienti cronici e per alcuni pazienti fragili come, ad esempio, i pazienti dimessi dopo un ictus. Il piano ora dovra’ essere modulato dalle singole direzioni regionali delle Asp che hanno gia’ attivato fasi di studio e analisi dei dati.


Sebi Arena

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati