I MEDICI DI BASE SI DIFENDONO ”LA TRUFFA C’E’, MA SIAMO NOI A SUBIRLA”

Dopo l’accusa di ieri i medici di famiglia si difendono, ed anzi, passano al contrattacco. Lo fanno con una lunga nota di Domenico Politi, Segretario Provinciale FIMMG, Federazione Italiana Medici di Medicina Generale di Enna. Dice Politi “a tutela dell’immagine e del decoro professionale dei medici di medicina generale si rammenta che ci si trova in presenza di un meccanismo amministrativo-burocratico che crea delle disfunzioni inammissibili. In effetti la truffa c’è, ma a subirla sono solo i medici di famiglia che debbono pure sopportare le disfunzioni di un sistema, logoro e stantio, nonostante le chiare leggi in proposito. Si cerca di mascherare dietro un presunto danno erariale le manchevolezze di questa pubblica amministrazione, che non è mai stata in condizione di assicurare elenchi completi e corretti degli assistiti in carico ad ogni medico di famiglia; danno erariale peraltro inesistente in quanto i deceduti vanno comunque tolti dagli elenchi, con i conseguenti totali recuperi di somme indebitamente percepite dai medici.


Nessun danno quindi all’erario. C’è invece un danno patrimoniale per i medici che, a causa dei deceduti in elenco e che loro non possono togliere, non hanno la possibilità di acquisire nuove scelte. Danno patrimoniale ancor più accentuato dalla mancanza, negli elenchi dell’ASL di cittadini regolarmente assistiti e che, magari, risultano ancora in carico a medici che hanno cessato la propria attività o che non risultano in carico a nessun medic il numero di questi soggetti è di gran lunga più grande del numero dei soggetti deceduti. Il finanziamento del sistema sanitario nazionale in tutta Italia avviene per quota capitarla: tanti sono i soggetti di una qualsiasi regione, quante sono le quote che la regione percepisce. Una parte di questa quota (Euro 40,00 di base pro-capite circa) rappresenta l’emolumento annuale del medico di famiglia.


A fronte di circa 52.000 deceduti in tutta la Sicilia ancora risultanti negli elenchi, vi sono alcune centinaia di migliaia di soggetti ufficialmente non in carico ai medici di famiglia. Considerando che le quote per questi soggetti sono erogate dallo Stato alle regioni e che quest’ultime le distribuiscono alle singole ASL in base alla popolazione residente e che le ASL non versano ai medici di medicina generale tutte le quote di loro pertinenza , si potrebbe anche ipotizzare il reato di indebito arricchimento da parte delle ASL. Un plauso all’azione della GdF che ha però evidenziato solo una parte delle incongruenze del sistema, augurandoci che il lavoro da loro svolto egregiamente possa portare alla soluzione di tutta la problematica. Noi medici di famiglia, nel nostro campo, siamo persone del fare”.


Fonte: http://www.agostinosella.blogspot.com/


Nella foto il dott. Domenico Politi

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati