Google Maps per Android si aggiorna con la navigazione stradale offline

Il colosso di Mountain View ha da poche ore annunciato il rilascio di un nuovo aggiornamento dell’applicazione Google Maps per smartphone Android, un update che introduce una funzionalità attesa da gran parte dei fruitori del servizio di mappe di Google: la navigazione stradale offline.



La novità introdotta nelle ultime ore dagli sviluppatori dell’azienda del noto motore di ricerca è molto semplice da utilizzare e consente di scaricare sul proprio smartphone con sistema operativo Android una porzione di territorio che potrà poi essere utilizzata per la navigazione anche in assenza di connessione WiFi o rete dati. Una volta scaricata la mappa di interesse sarà dunque possibile cercare un luogo ed ottenere le indicazioni stradali per raggiungerlo anche in assenza di connessione Internet. Tra le altre funzioni a disposizione in assenza di rete la possibilità di consultare gli orari di apertura delle attività commerciali, le recensioni lasciata dagli utenti ed i contatti delle varie strutture.



“All’incirca nel 60% del mondo oggi Internet non è disponibile e, anche dove è possibile accedere al Web, non è detto che la copertura sia uniforme. Per la maggior parte della popolazione non è ancora possibile, o per lo meno non è semplice, accedere alle informazioni in modo rapido e agevole.”


Per scaricare un’area da Google Maps per Android è sufficiente cercare la zona di interesse e fare tap sulla voce “Download”nella schermata principale o, in alternativa, accedere alla sezione “Aree offline” e fare tap su “+”. Nel momento in cui l’app rileva che non è disponibile una connessione Internet, in automatico il servizio attiva la modalità offline. Se durante il tragitto in modalità offline il servizio trova una connessione Internet, Google Maps si connette ed aggiorna le informazioni relative al traffico in tempo reale. Al momento la novità è disponibile solo per la versione Android di Google Maps ma entro qualche settimana la feature verrà rilasciata anche per iOS.


 



 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati