Giovane bloccato dai carabinieri mentra sbandava da una parte all’altra della strada

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Piazza Armerina hanno denunciato in stato di libertà per il reato di guida in stato di ebbrezza G.M. di anni 33 nato in Lombardia ma residente a Piazza Armerina. I militari in servizio di pattuglia, transitando in Piazza Gen. Cascino hanno  improvvisamente notato che l’auto condotta del soggetto, una Fiat Punto, sbandava vistosamente da una parte all’altra della strada sfiorando marciapiedi e auto parcheggiate. A nulla sono valsi i ripetuti segnali per invitarlo a fermarsi, tanto che il capo equipaggio, approfittando del traffico, è dovuto scendere dall’auto di servizio, raggiungerlo a piedi e riuscendo a bloccare la Fiat Punto infilandosi dal finestrino (che il conducente teneva fortunatamente aperto)  sfilando le chiavi dal quadro di accensione. Invitato a scendere appena fuori dall’auto il conducente è improvvisamente crollato tanto che è stato necessario sorreggerlo perché non riusciva minimamente a reggersi in piedi. Il motivo è stato scoperto, poco dopo, alla verifica del controllo effettuato con etilometro in dotazione alla pattuglia, che ha evidenziato che l’automobilista presentava un tasso alcolemico (record) di 4,09 gr./litro, tanto da rendersi necessario, per la stessa salute dell’interessato, il suo rapido trasferimento tramite ambulanza al pronto soccorso dell’ Ospedale Chiello dove gli è stata pratica una terapia di urgenza per “stato disforico di etilismo acuto”. Il fermato è stato trovato anche con la patente di guida scaduta di validità da oltre un mese!! Al termine degli accertamenti l’auto è stata sottoposta a sequestro, la patente scaduta è stata ritirata e sono stati elevati al giovane i previsti verbali di contestazione che prevedono,  con le nuove norme in vigore, per il solo reato di guida in stato di ebbrezza la sanzione (che determinerà il Giudice del Tribunale di Enna al termine del processo penale) fino a 6.000,00 (seimila) Euro.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati