Gela – Premio speciale ”Don Giulio Scuvera” al frate capuccino Giuseppe Gurciullo

Un riconoscimento assegnato all’unanimità per i numerosi e prestigiosi incarichi che ha ricoperto il giovane frate: Giudice del Tribunale Ecclesiastico Regionale Siculo, Direttore della biblioteca provinciale, dei Frati Minori Cappuccini di Siracusa e docente di Diritto canonico allo Studio Teologico “San Paolo” di Catania. Giuseppe Gurciullo, appartiene all’Ordine dei Frati Minori Cappuccini di Siracusa. Specializzato in Diritto canonico, è relatore in numerosi convegni e giornate di studio. Parla lo spagnolo, il tedesco, il francese ed il latino.

“Un impegno scientifico e didattico eccelso – si legge in un passo della motivazione a cura di Emanuele Zuppardo – che ha fornito contributi inediti su aspetti del diritto canonico, apprezzati con ogni lode dalle commissioni che li hanno valutati e condotti con profonda e rara sensibilità, incondizionato e umile amore per lo studio”. 
Il premio è intitolato a Don Giulio Scuvera, parroco della Chiesa Madre di Butera, scomparso nel 2011.
Divenuto sacerdote giovanissimo, Padre Giulio Scuvera si è contraddistinto, oltre che per le doti umane e religiose, per aver offerto un contributo determinante nell’edificazione della società di ogni comunità in cui ha svolto il suo ministero di sacerdote. Da Villarosa a Piazza Armerina, da Enna a Butera, ovunque il suo entusiasmo e la sua convinta partecipazione al rinnovamento della Chiesa, introdotto dal Concilio Vaticano II, lo hanno portato a parlare con un linguaggio nuovo, ai giovani in primo luogo. 
All’instancabile opera di conservazione, restauro e adeguamento liturgico delle chiese che gli sono state affidate negli anni, si è accompagnato l’attento recupero di tanti capolavori e la competente ricerca e scoperta di beni culturali nascosti e preziosi.
E poi l’attenzione per l’attività nel sociale. Nei luoghi in cui ha operato come pastore, Padre Giulio ha riportato la Chiesa ad un ruolo che le è stato proprio per secoli e che sembrava ormai abbandonato: il ruolo di centro di aggregazione, di luogo di educazione civica, di sprone culturale, di solidarietà ed inserimento sociale.
Il premio negli anni passati è stato già assegnato a prestigiose personalità quali l’Arcivescovo di Monreale, Mons. Michele Pennisi (2012), don Giuseppe Anzalone (2013), prof. Don Cosimo Scordato (2014) e l’Istituto “Suor Teresa Valsè” di Gela (2015).

La manifestazione avrà luogo sabato 11 Giugno, alle ore 18.30, al “Cineteatro Antidoto” di Gela.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati