Enti locali: Chinnici, un testo unico per coordinare norme

 Un testo unico regionale che raggruppi e coordini tutta la normativa in tema di ordinamento delle autonomie locali. E’ il progetto al quale sta lavorando l’assessore regionale per le Autonomie locali e la Funzione pubblica, Caterina Chinnici. L’annuncio e’ avvenuto nel corso del seminario di formazione per giovani amministratori organizzato dall’Asael, l’Associazione siciliana amministratori enti locali, che si e’ svolto a Campofelice di Roccella, in provincia di Palermo. Attualmente, le disposizioni in tema di autonomie locali in Sicilia sono contenute in diversi testi normativi, adottati in epoche diverse. Si parte dal testo base del 1963, poi modificato nel 1986 e successivamente integrato piu’ volte negli anni Novanta. “Un articolato sistema normativo – spiega l’assessore Chinnici – che mostra tutti i suoi aspetti problematici, anzitutto sotto il profilo sistematico, perche’ risulta spesso difficile l’esatta individuazione delle leggi di volta in volta utilizzabili, essendo le stesse inserite in diversi testi non coordinati tra di loro. Inoltre, non sempre appare univoca l’immediata applicabilita’ delle leggi statali o se piuttosto le stesse necessitano di un apposito recepimento”. Un terzo aspetto che ha indotto l’assessore a procedere al varo del testo unico e’ dovuto al fatto che il legislatore regionale e’ intervenuto in materia di enti locali prima della riforma costituzionale del titolo V della Costituzione, che ha riorganizzato l’assetto amministrativo-istituzionale tra i diversi enti territoriali, secondo una visione piu’ federalista e piu’ rispondente ai principi di sussidiarieta’ su cui ora possono dirsi fondati i rapporti tra istituzione e cittadino

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati