ENNA – PROGETTO G.O.T.I.C.A. SEMINARIO CONCLUSIVO

Oggi pomeriggio alle ore 16.00 alla Confindustria di Enna si svolgerà il Seminario conclusivo del Progetto Gotica. Progetto che ha coinvolto 30 operatori della gastronomia e della ricezione della provincia di Enna in un percorso di riqualificazione manageriale. Oltre alla Confindustria hanno collaborato alla realizzazione del Progetto altri partner specializzati come Rocca di Cerere e Logos. Il progetto aveva come obiettivo la valorizzazione dell’agroalimentare ai fini turistici allo scopo di sfruttare le tipicità come traino turistico per colmare il gap di offerta di itinerari che pongono la provincia fuori dai grandi flussi turistici e prevedeva inoltre azioni integrate di formazione e consulenza e supporto rivolte alle PMI dell´industria agroalimentare, agrituristica  e turistica in genere.


Maurizio Prestifilippo  – Presidente del Comitato Tecnico Scientifico del Progetto – ha più volte sottolineato l’importanza di far proseguire il progetto oltre la data ufficiale di chiusura: “Bisogna realizzare un sistema turistico integrato, che valorizzi produzioni e risorse del territorio sia  culturali, ambientali che  gastronomiche. La componente gastronomica dei prodotti locali e tutto il sistema produttivo possono concorrere in maniera determinante alla definizione della proposta turistica integrata del territorio. I maggiori vincoli allo sviluppo del settore sono rappresentati dalla difficoltà di coniugare gli itinerari storico artistici, che hanno in Piazza Armerina il centro, con quelli di tipo rurale e naturalistico dei boschi, delle riserve e dei laghi naturali e bacini, con la cultura e con la gastronomia locale. In quest’ottica è fondamentale non perdere l’occasione che ci verrà offerta da due eventi importantissimi che interesseranno la nostra Provincia, la riapertura della Villa del Casale ed il ritorno della Venere di Morgantina ad Aidone, occasioni per le quali dobbiamo essere pronti e saper offrire soluzioni innovative ed originali”.


“La nostra Provincia deve essere in grado di formulare una proposta turistica, fatta di itinerari, che vada ben oltre la semplice offerta dei beni che abbiamo. Coniugare il bene culturale con l´ambiente e la gastronomia a fini turistici significa riorganizzare l´intero sistema produttivo dell´industria agroalimentare e della filiera ad esso collegato, in direzione della tutela della risorsa ambiente e della qualità del prodotto tipico locale”. Così Grippaldi – Presidente della Confindustria Ennese.


Fonte: www.dedalomultimedia.it

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati