ENNA. PRESENTATO IL LABORATORIO IL TEATRO DEI TERRITORI

2/12/2008 – Numero chiuso a 70 partecipanti, le domande dovranno pervenire entro venerdì 15 febbraio
E’ stato presentato questa mattina, presso la sede della Provincia Regionale di Enna, il laboratorio “Il Teatro dei Territori” organizzato per il secondo anno consecutivo da MDA Produzioni Danza e la Provincia Regionale di Enna in collaborazione con i Comuni di Enna e di Troina, e l´Università Kore di Enna.
Visto il successo della scorsa edizione, che  ha visto il suo culmine nella messa in scena de “Il Ratto di Proserpina” al quale hanno partecipato nei panni degli “zolfatari” venti allievi affiancati da danzatori e attori professionisti, il progetto procede intensificando il cammino di ampliamento e decentramento delle opportunità di formazione artistico/culturale, e tracciando nel territorio un itinerario fatto di laboratori aperti alla cittadinanza giovanile, fasce deboli della popolazione, agli studenti che desiderano confrontarsi con un applicativo delle facoltà scelte, per offrire la possibilità di incontrasi e lavorare con artisti professionisti.
“Le iniziative di carattere culturale per essere valide devono essere istituzionalizzate e riproposte annualmente – ha detto Rosalinda Campanile, assessore provinciale alla Cultura e Beni culturali – Questa iniziativa è importante perché offre ai ragazzi del nostro territorio un’opportunità di formazione, incontro e condivisione, equiparabile alle opportunità a cui sono abituati i ragazzi che vivono nelle grandi città. Il corso anche quest’anno si svolgerà, oltre che ad Enna, anche a Troina, un modo per incentivare e favorire i giovani della zona nord della provincia, spesso isolati dalle iniziative culturali a causa della distanza. Un altro importante passo – ha concluso l’Assessore – è stato il protocollo d’intesa stipulato con l’Università Kore che agevolerà i giovani studenti del Dams che vorranno partecipare al laboratorio”.
Quest’anno saranno settanta i partecipanti ammessi al laboratorio, di cui 62 allievi e 8 uditori, scelti da una commissione esaminatrice tra gli studenti di scuola media superiore (solo gli ultimi due anni), studenti di scuole professionali e universitari, Dams e Università Kore incluse. 
I corsi, a partecipazione gratuita, mirano a favorire l’aggregazione sociale e le esperienze formative: migliorare le relazioni con l’esterno, tra cui l’atteggiamento di rispetto, la tolleranza e la solidarietà; incrementare la conoscenza di sé, la gestione delle proprie ansie ed insicurezza, canalizzando l’aggressività in sana e dinamica vitalità.
“Il progetto del laboratorio – ha detto Rino Agnello, sindaco di Enna – si inserisce in un progetto più ampio di rinascita e rilancio culturale a cui stiamo già lavorando. Il progetto oltre ad essere un importante momento formativo è anche , e soprattutto, un’occasione di confronto tra ragazzi appartenenti allo stesso territorio”.
Il laboratorio, che è un progetto che si coniuga con il nuovo panorama culturale della provincia aderendo alle numerose attività finalizzate alla valorizzazione delle risorse e delle identità del territorio, è finalizzato anche all’acquisizione di competenze di “interprete ” e “operatore” nel campo teatrale: profili professionali indipendenti nella creazione e produzione degli spettacoli dal vivo.
I corsi, che si svolgeranno a Enna e Troina, saranno tenuti da diciassette professionisti del settore teatrale: registi, coreografi, attori, cantanti, danzatori ma anche psicanalisti, che faranno lezione per un totale di 170 ore complessive.  Tra i docenti importanti nomi di rilievo nazionale, tra cui spiccano le attrici etnee Donatella Finocchiaro e Lucia Sardo, che terranno lezioni intitolate “interpretazione e recitazione” la prima, e “teatro per la vita” la seconda.
Anche quest’anno al termine del laboratorio saranno selezionati dieci allievi da inserire nel settore teatrale: sei in produzioni teatrali e quattro nell’organizzazione e promozione di spettacoli teatrali.
“La nostra idea è quella di costituire un paesaggio culturale armonico che possa basarsi anche, e soprattutto, sulle risorse del territorio. – ha detto Aurelio Gatti, direttore artistico della MDA produzioni danza – E’ per questo che non bisogna sottrarre opportunità ai giovani di questo territorio, che sono una riserva di risorsa che deve essere attivata. Alcuni dei ragazzi che hanno partecipato negli scorsi anni oggi vivono a Bologna, Roma e Milano e fanno gli attori. Probabilmente è il momento di pensare alla creazione di una compagnia stabile non amatoriale, affinché questi giovani non emigrino per potersi realizzare. Penso che senza demonizzare il contemporaneo, oggi sia necessario riattivare nei giovani la capacità di analisi e approfondimento, sconfiggendo l’omologazione, soprattutto quella del pensiero, sempre più dilagante.
Quest’anno – ha concluso Gatti – i ragazzi che parteciperanno al laboratorio saranno chiamati a partecipare, quasi certamente alla messa in scena de “Il Ciclope”. Mi auguro che possa essere anche quest’anno  un’esperienza emozionante”.
Le domande di partecipazione dovranno pervenire, entro venerdì 15 febbraio, presso la segreteria della Provincia Regionale di Enna -piazza Garibaldi, 1-Enna tel. 0935.521336- oppure presso la segreteria del Sindaco del Comune di Troina -via Conte Ruggiero, 4- Troina (En) tel. 0935937216-.
Fonte:
www.dedalomultimedia.it

L’articolo originale con eventuali allegati lo trovi qui