Enna – Maria Rita Leonardi è il nuovo Prefetto

 Si è insediato il nuovo prefetto di Enna, Maria Rita Leonardi che insieme al viceprefetto capo di gabinetto Salvatore Grasso ha incontrato tutti i giornalisti ennesi in conferenza stampa, assicurando loro la sua presenza e quindi quella dello Stato in provincia chiedendo in cambio soltanto un’informazione corretta. E’ durata poco più di un mese la vacatio della Prefettura dopo il trasferimento ad Isernia del ex prefetto Fernando Guida.

Ma una vacatio che, ad onor del vero non si è avvertita, poiché la presenza dello Stato è stata egregiamente testimoniata dal viceprefetto vicario Tania Giallongo. Maria Rita Leonardi ha quindi assicurato che si impegnerà per la collettività, non risparmiando alcuna energia, con apertura e pazienza, nel rispetto dei ruoli ed ha anticipato che se dovesse, qualche volta “rimanere in silenzio” lo farà soltanto per ridare serenità. Ha chiesto ancora, alla stampa, che il suo messaggio di apertura giunga alla cittadinanza e ha promesso un proficuo rapporto con le Istituzioni. “Desidero che si percepisca questa voglia di collaborazione con il territorio che potrà contare sulla Prefettura. Apparteniamo allo Stato e crediamo nei suoi valori”.

Opportunamente sollecitata da qualche domanda, il neo prefetto ha dato atto che la provincia di Enna versa in una situazione socio economica molto delicata che merita la massima attenzione da parte sua per questo ritiene importanti le “reti istituzionali”. Maria Rita Leonardi è nata nel 1951 a Palermo ed ha un curriculum di tutto rispetto che l’ha vista impegnata in maniera particolare contro la criminalità organizzata. Maria Rita Leonardi è gia stata ad Enna nel 1982 quale vice dirigente dell’Ufficio di Gabinetto e degli Affari elettorali. Ha lavorato presso l’ Ufficio dell’Alto commissario per il coordinamento lotta alla mafia dove è stata dirigente Ufficio affari giudiziari. Ha svolto il ruolo di Capo di Gabinetto e Vice Prefetto vicario alla Prefettura di Palermo ed è stata incaricata dell’accesso ispettivo nei comuni di Isola delle Femmine, Misilmeri e Torretta, che ha portato allo scioglimento, ai sensi della normativa antimafia, dei comuni di Misilmeri e Torretta.

E’ stata presidente della commissione straordinaria del comune di Villabate, sciolto per infiltrazioni mafiose. E’ stata commissario del comune di Casoria in provincia di Napoli. E’ stata vice commissario dello Stato per la Regione Siciliana ed ha organizzato importanti conferenze internazionali sulle tossicodipendenze e la criminalità organizzata transnazionale alle quali ha partecipato il segretario generale dell’Onu ed ha ricoperto molti altri incarichi.

Mario Antonio Pagaria

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati