ENNA. IL SINDACO AGNELLO: ”GESTIONE SENZA PROGETTUALITA’ DELL’UMBERTO I”

La chiusura del reparto di Cardiologia, ora riaperta a regime ridotto, è solo la punta di un iceberg di una situazione che sta diventando imbarazzante”. Così il sindaco, Rino Agnello a proposito della chiusura e della successiva parziale riapertura del reparto di Cardiologia all’’ospedale Umberto I°, per carenza di personale. “Mancano i progetti e la programmazione in un’Azienda, come quella dell’ospedale, che assorbe il 90 per cento delle richieste del territorio. Tutto questo frutto di una gestione commissariale che non è più sostenibile e che improntata all’’ordinaria amministrazione” – aggiunge il sindaco che ha chiesto un incontro con i vertici dell’Azienda e, anche in occasione della visita del Governato della Sicilia, Raffaele Lombardo, con l’assessore regionale per sollecitare l’uscita dalla fase di provvisorietà e la nomina di un manager. “Pur apprezzando l’impegno del commissario Maniaci – conclude Agnello – è nella natura del suo stesso incarico commissariale l’elemento di precarietà che dura ormai da troppo tempo e che sta pregiudicando oltre modo il futuro dell’azienda. E’ tempo di progetti. Chiediamo la nomina di un manager che sia in grado di gestire e di programmare adeguatamente

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati