Enna – Arrivano i finanziamenti per Viale Caterina Savoca, la Panoramica e la San Calogero

Avevano chiesto i soldi per il Viale Caterina Savoca, la Panoramica e la San Calogero e lo avevano fatto dichiarando alcuni mesi lo stato di emergenza. La vicenda è giunta all’epilogo positivo e il sindaco Dipietro in conferenza stampa ha comunicato l’esito positivo dell’istanza. Il Governo ha infatti stanziato la somma di 2.600mila euro circa, dei quali 1500milione circa, con altri fondi stanziati dal Comune serviranno a rabberciare il Viale Caterina Savoca, rendendolo nuovamente fruibile al traffico veicolare mentre il rimanente milione andrà ad integrare i circa 5500 stanziati prima dell’ultimo crollo della Panoramica che, va ricordato, non è di competenza del Comune ma della ex Provincia, però è stata inserita nel finanziamento poiché il suo riattamento è un problema di Protezione Civile, quindi di competenza comunale, in quanto considerata “via di fuga” tra le poche in caso di catastrofe o calamità naturale, nel piano di emergenza già varato durante la Giunta Garofalo. Il sindaco Dipietro visibilmente soddisfatto per il lavoro sinergico svolto dal Coc diretto da Lorenzo Colaleo, dalla Kore che ha studiato il problema del Caterina Savoca mediante la competenza del docente di Geofisica Francesco Castelli, collaborato nei rilievi dall’ingegnere Liborio Cozzo e, non va dimenticato, dell’assessore ai Lavori pubblici Gaetana Palermo.

Il Viale Caterina Savoca fu interessato da un grave evento franoso a seguito di un violento nubifragio il due novembre scorso e la sua chiusura determinò la forzata serrata di alcune attività commerciali e costrinse alcuni cittadini a lasciare le proprie abitazioni per salvaguardare la propria incolumità. Ma da quel momento in molti si sono attivati per far si che il problema si risolvesse al più presto e tra questi importante l’impegno del deputato Ars Mario Alloro presso l’assessore Croce ma anche presso il presidente del Consiglio Renzi affinchè stanziassero le somme richieste. E così il finanziamento che è inserito in uno più ampio di circa 23 milioni per altre città siciliane interessate da eventi calamitosi è arrivato. Importante anche la collaborazione di Acqua Enna che il sindaco ha ringraziato insieme a tutti gli altri attori. Dipietro, conscio dei limiti dell’Ufficio tecnico ennese ha deciso che per il Caterina Savoca demanderà tutto alla Protezione Civile Regionale , rappresentata da Calogero Foti in maniera tale che il rabbercio possa essere realizzato in tempi brevissimi. La Panoramica sarà realizzata in tempi più lunghi poiché pare l’Anac abbia richiesto una nuova gara d’appalto ed inoltre, l’ingegnere Colajanni, colui che si è occupato del problema a tutti i livelli, sta andando in pensione. Va puntualizzato che la soluzione del problema traffico in città è strettamente legata alla rifruizione della Panoramica.

Mario Antonio Pagaria

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati