Confartigianato smentisce la Camera di Commercio. Arena:«il trend del 2010 non è positivo»

 Le richieste di cancellazione erano datate dicembre 2010. I dati dichiarati da Gulino sono incompleti . Sono state 86 le imprese in provincia di Enna che stamattina sono state cancellate dall’albo artigiani della Camera di Commercio durante la riunine della Cpa, Commissione provinciale artigianato. I 13 componenti, tutti rappresentanti delle associazioni di categoria dell’artigianato e della piccola e media impresa e dell’Inps, dopo l’elezione del nuovo presidente della Cpa, Mauro Todaro si sono trovati davanti ad un bilancio in negativo allarmante. E con sorpresa datato 2010.
“Le imprese – ha spiegato Cristofero Arena, rappresentante di Confartigianato e vice-presidente della Cpa da un anno – hanno infatti fatto richiesta di cancellazione all’albo entro il 31 dicembre 2010. Il settore “out” è sicuramente l’edilizia”. Ma stamane sono passate al vaglio anche 45 nuove iscrizioni. “Le imprese neonate hanno perlopiù titolari giovani, dai 30 ai 40 anni – continua il vice presidente – Si va dalla nascita di carrozzerie alla variazione di qualifica, ad esempio di un imbianchino che diventa muratore”. La commissione che ha il compito di monitorizzare iscrizioni, cancellazioni o variazioni di qualifica delle imprese si riunisce periodicamente. L’ultimo incontro, risale a più di un mese fa. “Solitamente – spiega Cristofero Arena – il dato finale della seduta è in pareggio, cioè il numero delle cancellazioni è pressapoco equivalente a quello delle nuove iscrizioni. Ma stavolta il trend è stato nettamente negativo con un  – 41”. Confartigianato smentisce poi il dato ufficiale del 2010 dichiarato giorni fa dal presidente della Camera di Commercio, Liborio Gulino: “Con più 43 si chiude positivamente il Registro imprese della provincia nel 2010. Dopo un 2009 stabile, il 2010 fa registrare una lieve crescita di più 43 imprese iscritte al Registro”. Così recitava il comunicato diffuso. “In realtà Gulino non ha fornito un dato completo. Ai suoi dati, avrebbe dovuto aggiungere quello di stamane – dichiara Arena, facendosi portavoce di Confartigianato provinciale  – In ogni caso, il dato ufficiale 2010 non c’è ancora. Si avrà soltanto a giorni dopo la verifica di tutte le iscrizioni, cancellazioni e variazioni, sia al registro delle imprese, sia all’albo artigiani. Per noi, il trend rimane di fatto negativo e non sicuramente positivo come dichiarato dalla Camera di Commercio”.      

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati