Cile, violento terremoto: magnitudo 8.3. Allarme tsunami: almeno 5 morti

Una violenta scossa di terremoto ha colpito il Cile nella notte italiana tra il 16 e il 17 settembre 2015: Secondo le prime informazioni, la scossa erroneamente calcolata intorno ai 7,9 gradi, ha avuto una intensità pari a 8,3 gradi della scala Richter. L’epicentro era circa 500 chilometri a Nord della capitale, hanno fatto sapere gli esperti del servizio geologico americano. Il bilancio provvisorio è di 5 morti e 15 feriti. La scossa più potente è stata molto lunga, con movimenti oscillatori, e l’epicentro sarebbe stato localizzato nella regione del  Coquimbo, a circa 400 km a nord della capitale, a soli 11 chilometri di profondità. Le successive scosse di assestamento sono state anche di magnitudo 6.2 e 6.4.  Dopo il terremoto, alla Serena, località a 470 km al nord di Santiago, sono arrivate onde alte quattro metri. Lo rendono noto le autorità. Lo stesso è successo anche nel balneario di Pichidangui, 270 km a nord della capitale, dove il mare si è raccolto per circa 300 metri. Il sisma è stato avvertito chiaramente anche in diverse regioni del nord e del centro dell’Argentina, pure in città lontane dal Cile, quali Buenos Aires e Rosario.



Allarme Tsunami dopo il terremoto
A preoccupare ora è  l’allerta maremoto che ha innescato l’ordine di evacuare lungo tutta la costa. Un allarme tsunami è stato esteso anche alle coste della California, oltre che per il Perù e le Hawaii. Almeno un milione di persone è stato fatto subito sfollare per evitare il rischio di essere colpiti dalle onde. “Ancora una volta affrontiamo un duro colpo della natura, che ha raggiunto gran parte del Paese”, ha affermato la presidente del Cile Michelle Bachelet, precisando che “finora abbiamo identificato con certezza tre morti, due uomini e una donna”. La Bachelet ha poi cercato di portare tranquillità: Anche se c’è stato uno tsunami il flusso delle ondate sta calando, ma ci possono essere, ha precisato, altre repliche. Stiamo quindi valutando minuto per minuto la situazione” ha detto la presidente. Anche gli Stati Uniti si sono detti pronti a fornire “l’aiuto necessario”. Lo ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Usa, John Kirby, via Twitter commentando. “I nostri pensieri vanno alla gente del Cile questa notte”.


 



 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati