CAMERA DI COMMERCIO : COSTITUITO UN PARTENARIATO PER IL CREDITO ALLE IMPRESE

Si è svolto Martedì 27 Aprile presso la Camera di Commercio di Enna l’incontro sul credito a cui hanno partecipato i rappresentanti delle Associazioni di categoria, dei Consorzi Fidi e gli Istituti Bancari.   L’incontro, molto partecipato, organizzato dal Presidente della Camera di Commercio Liborio Gulino è stata l’occasione per una prima valutazione, fra di diversi soggetti, sulla situazione del credito in provincia e per la sottoscrizione del protocollo d’intesa tra la Camera di Commercio e le Associazioni di Categoria con il quale si è costituito il “PARTENARIATO PER IL CREDITO ALLE IMPRESE”.   La costituzione del “partenariato” rientra fra i compiti della Camera di Commercio così come previsto dal recente Decreto Legislativo che ha riformato l’ordinamento delle Camere di Commercio, affidandole, tra gli altri, anche compiti relativi alla: “Promozione del territorio e delle economie locali al fine di accrescerne la competitivita’, favorendo l’accesso al credito per le PMI anche attraverso il supporto ai consorzi fidi”. In tale direzione la Camera di commercio di Enna, dichiara il Presidente Liborio Gulino, opera già da diversi anni anche attraverso l’erogazione di contributi ai fondi rischi dei Consorzi.   Nell’anno2008, continua Gulino, sulla base dei dati in possesso della Camera di Commercio, sono state esitate favorevolmente, da parte dei Consorzi Fidi operanti in provincia, 1594 pratiche di affidamenti per un importo di circa 48 milioni di Euro, con una media di 30 mila euro a pratica. L’obiettivo è quello da un lato di misurare il livello dell’efficacia degli interventi nei confronti delle piccole e medie imprese, riconosciute quali anelli più deboli della filiera creditizia e dall’altro di avere uno strumento, il partenariato, di analisi e di proposta sulle politiche creditizie e sugli interventi da attuare.   Il Partenariato costituito si pone i seguenti obiettivi specifici: ·Coinvolgere i Confidi, le Associazioni di categoria e la Camera di Commercio in azioni volte a sviluppare forme di dialogo con il sistema bancario, al fine di rendere sempre più agevole l’accesso al credito da parte delle imprese. ·Favorire la prestazione di garanzie per i microcrediti erogati dalle banche a favore di imprese soprattutto piccole e micro e tra queste le imprese innovative, le imprese giovanili e le imprese femminili. ·Attivare un Comitato Tecnico composto da rappresentanti degli Istituti di credito, dei Confidi, delle Associazioni di categoria/Ordini professionali e dalla Camera di Commercio, con il compito di monitorare i risultati delle azioni intraprese per verificarne la rispondenza con gli obiettivi prefissati e suggerire gli opportuni correttivi da apportare al fine di conseguire la massima efficacia degli interventi.     ·Realizzare, anche con il supporto finanziario della Camera di commercio, specifiche attività di informazione e formazione, rivolte ai Confidi e ai destinatari finali (medie, piccole e microimprese). ·Favorire la creazione d’impresa con particolare riferimento alle imprese giovanili e femminili e alla loro internazionalizzazione. ·Predisporre strumenti informativi da distribuire/rendere accessibili presso le sedi/siti dei Confidi, delle Associazioni di categoria, Ordini professionali e degli Istituti di credito. ·Creare e sviluppare un network di figure professionali interne alle Associazioni di categoria dedicate ad attività di tutoring e consulenza sul credito per assicurare un futuro a questo metodo di intervento.   La Camera inoltre provvederà all’attivazione di uno sportello informativo e di orientamento rivolto ai destinatari finali sulle tematiche del protocollo sottoscritto e sull’attività del partenariato. Parallelamente al partenariato, che avrà funzioni di programmazione e coordinamento, si è deciso di procedere alla costituzione di un “Comitato tecnico” con la presenza dei Confidi e gli Istituti di Credito e la cui firma, su richiesta delle Banche, e stata aggiornata ad una successiva riunione, già fissata al 12 Maggio, anche con la presenza del Rappresentante dell’ABI.  

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati