Basilio Fioriglio :« occorre una politica oggettivamente più vicina alla soluzione dei problemi»

Il Conisgliere comunale Fioriglio Basilio ci ha fatto pervenire il seguente comunicato relativo alla difficile situazione che si è creata all’interno del Conisglio Comunale.


” Mi riferisco ai lavori del C.C. che non è riuscito ad eleggere il V. Presidente del consesso e ciò anche per la   necessità dellaricostituzione dell’Ufficio di Presidenza , indispensabile alla continuità dei lavori consiliari.   Il fatto costituisce, come da un certo tempo,l’assenza di una politica di concertazione tra la Maggioranza ed il   resto del Consiglio per la soluzione di problematiche cittadine che rimangono eluse.   Recentemente abbiamo assistito ad una spaccatura all’interno del P.D. che sembrava dovesse dare una diversa   svolta all’azione politica del Consiglio Comunale, mafatti recenti fanno presagire il ricompattamento e   riconducendo quindi il Consiglio Comunale alla solita politica del non fare. Deve esserci una rivisitazione nel   riconoscimento del ruolo del Consiglio Comunale,perché non possa essere quotidianamente attaccato fuori   dall’aula da certi Consiglierie altri, questa Presidenza deve dare una svolta forte , perriportare al Consiglio   stesso tutto quanto di competenza che costringerebbe l’Amm. a confrontarsi. La elezione del Vice Presidente   dovrebbe garantire la rappresentanza dell’altra parte del Consiglio Comunale per dare forza, cosi come   spiegato, alle voci della minoranza. Ciò produrrebbe una politica oggettivamente più vicina alla realizzazione   di importanti problemi che se risolti porterebbero seri benefici alla Città, come quelli relativi a:   Realizzazione Museo del Palazzo Trigona, mercato settimanale, viabilità Cittadina, Villa Romana del Casale,   aperturaS.P. n.4 ( Grottacalda ), realizzazione illuminazione ctr.Indirizzo – Villa Romana, area Commerciale   Villa Romana del Casale, Area Siaceetc..   In sintesi è mancato al Consiglio Comunale una serena valutazione dei fatti che l’Amm. ha voluto solo leggere   in chiave politica ed appunto oggi la elezione del Vice Presidente del Consiglio Comunaledovrebbe essere   l’occasione per i motivi che semplicisticamente ho sopra richiamato.   Il momento politico attuale non ci permette di dividerci in posizioni ideologici contrastantispesso fagocitate   da poteri esterni che per ambizioni personali si inseriscono in Consiglio Comunale. Ogni Consigliere   Comunale rappresenta una parte di certa volontà popolare a cui deve dare conto sul piano personale e politico e   come tale in consiglio Comunale è chiamato ad esercitare il proprio ruolo in funzione della Città. Cerchiamo di   elevare il nostro agire politico e trovare unanime concertazione nella indicazione di quanto il Consiglio viene   chiamato a deliberare e ciò nell’esclusivo bene della nostra Città che rappresentiamo. ” 


Fioriglio Basilio.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati