ATTIVATI INVESTIMENTI MIRATI PER 590 MILIONI DI EURO DAL GOVERNO REGIONALE

PALERMO – “Il governo ha attivato investimenti mirati per 590 milioni di euro di risorse del Par Fas che avranno un impatto importante sull’intero territorio sotto il profilo economico se saranno bene utilizzati. Perche’ non basta solo investire, e’ necessario poi monitorare e verificare in che misura l’impiego di tali risorse siano in grado di ridurre la forbice strutturale e infrastrutturale tra la Sicilia e il resto del Paese”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, nel corso di una conferenza stampa, che si e’ svolta a palazzo d’Orleans, a Palermo, per illustrare lo stato dell’arte degli investimenti dei fondi del Par Fas (Programma attuativo regionale dei fondi per le aree sottoutilizzate) 2007/2013. Le somme saranno ripartite secondo le priorita’ definite in sede di giunta e saranno impiegate per migliorare la qualita’ della vita nelle aree urbane attraverso la realizzazione di opere strutturali. “I bandi relativi alle azioni 7.1 e 7.2 del Programma attuativo saranno attivati nei prossimi giorni – ha assicurato l’autorita’ di gestione del Par Fas, Enzo Emanuele, del dipartimento Bilancio -“. “Saranno aperti cantieri che daranno lavoro a circa 36mila persone”, ha aggiunto Lino Leanza, assessore regionale al Lavoro e alla Famiglia. Alla prima azione, la 7.1, relativa alle “Spese di investimento negli enti locali” e’ stata assegnata la somma complessiva di 450 milioni: 128 milioni saranno utilizzati per sistemare piazze e scuole; per realizzare nuove aree di verde pubblico, giardini e parchi e strade di tipo sovracomunale; per ripristinare edifici comunali di alto valore artistico. Circa 30 milioni saranno destinati a contributi in conto interesse per interventi di recupero edilizio e di riqualificazione urbana. Altri 30 saranno assegnati per realizzare l’aeroporto di Agrigento. Una cospicua parte, circa 222 milioni, saranno invece investiti in nuovi cantieri di lavoro per la manutenzione straordinaria di opere di pubblica utilita’. Con altri 41 milioni saranno aperti asili nido. “Ho rassicurato il sindaco Marco Zambuto – ha detto il vicepresidente della Regione con delega all’Economia, Michele Cimino – che a breve sara’ rifinanziato il centro storico di Agrigento, tenuto conto dell’emergenza abitativa e della fatiscenza di numerosi edifici”. Alla seconda azione, la 7.2, “Altri progetti di interesse regionale”, sono state destinate risorse per 140 milioni di euro, cosi’ ripartiti: 40 milioni per infrastrutture nel settore didattico e nella ricerca universitaria (restauro di strutture e costruzione di edifici per studenti); 90 milioni saranno messi in campo per le emergenze ambientali, idrogeologiche e per completare le reti di distribuzione di energia; 2 milioni per la produzione e la diffusione di opere cinematografiche e audiovisive che valorizzino l’immagine della Sicilia all’estero; 8 milioni per infrastrutture destinate alla sicurezza dei cittadini. Sono state inoltre approvate in sede di giunta le linee di intervento e i criteri di ammissibilita’ dell’asse VI “per lo sviluppo urbano sostenibile”: questo permettera’, nel giro di una settimana, di mettere a bando investimenti per 773 milioni di euro dei fondi comunitari 2007/2013, di cui 640 dell’asse VI e 133 del fondo Jessica.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati