Attentato terroristico a Parigi: 158 morti, 3 esplosioni. Kamikaze urlano “Allah è grande”

Lo Stato Islamico ha rivendicatogli attentati terroristici che hanno colpito la città di Parigi. Sei attacchi che hanno sconvolto la capitale francese con un bilancio molto pesante di vittime tra la popolazione:le ultime notizie parlano di almeno 160 morti. Otto assalitori sono stati uccisi, sette dei quali si sarebbero fatti  esplodere in mezzo la gente.


Dalle21.20 di ieri sera la serie di attacchi coordinati ha colpito luoghi affollati e locali dove si solito si svoge la vita notturna di Parigi. Un attacco al Bataclan, sala per concerti nell’XI arrondissement, non lontano dalla sede di Charlie Hebdo, dove sono rimaste uccise 118 persone. Colpi di kalashnikov in un ristorante e in un bar del X arrondissement. Granate attorno allo Stade de France, alla periferia della capitale francese, dove era in corso l’amichevole Francia-Germania. Spari a Beaumarchais e in altre due strade.


Poche ore dopo gli attentati è arrivata la rivendicazione dello Stato islamico. “Ricordate, ricordate il 14 novembre. Non dimenticheranno questo giorno, come gli americani l’11 settembre. La Francia manda i suoi aerei ogni giorno in Siria, bombardando bambini e anziani, oggi beve dallo stesso calice”.


L’attacco che ha prodotto più vittime  è quello al Bataclan, dove 1.500 persone assistevano al concerto del gruppo americano Eagles of Death Metal.”Hanno ucciso a freddo molti ostaggi, ad uno ad uno – afferma un testimone della strage –  poi ricaricavano e ne uccidevano altri. Hanno ricaricato le armi tre o quattro volte”.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati