Arrivano due nuovi cardiologi all’sopedale Chiello di Piazza Armerina

L’assessore regionale della sanità Russo ha autorizzato il Direttore generale dell’Asp di Enna Nicola Baldari ad assumere, in deroga a tutte le normative vigenti, due cardiologi da destinare all’ospedale Chiello. A darne notizia il sindaco di Piazza Armerina Fausto Carmelo Nigrelli che non nasconde la grande soddisfazione. «Il Direttore generale, che ringrazio per la lealtà con la quale ha operato nei confronti di Piazza, ha mantenuto l’impegno che aveva assunto con la nostra Città diversi mesi or sono – commenta il Sindaco. Noi abbiamo sempre sostenuto che il servizio di cardiologia di Piazza andava mantenuto, ne andava riportato l’organico almeno al minimo indispensabile per mantenere l’a cosiddetta Unità operativa semplice anche se all’interno del reparto di Medicina.» Nei mesi scorsi molte erano state le manifestazioni di preoccupazione per le sorti della cardiologia. Se l’amministrazione comunale aveva più volte ribadito, anche in documenti ufficiali, la centralità del servizio per la sua funzione salvavita, il Consiglio comunale ne aveva fatto uno dei punti qualificanti della sua azione politica nei confronti dell’ASP. «Ancora una volta mi sento di affermare che la collaborazione tra istituzione dà buoni frutti – continua il Sindaco. Adesso toccerhà a noi: avevamo promesso, d’accordo con il Consiglio, che appena si sarebbe costituità un’unità operative completa il Comune avrebbe acquistato i lettini per la terapia semintensiva da collocare nell’ospedale. Nei prossimi giorni incontrerò il dott. Baldari per concordare l’avvio di questa seconda fase.» Grande soddisfazione anche da parte dell’assessore alla sanità di Piazza Innocenzo Di Carlo che ha due anni segue quotidianemente la situazione del Chiello «La questione della cardiologia era un punto di partenza importantissimo – afferma – perché il supporto dei cardiologi è essenziale per tutti i reparti i cui medici adesso potranno lavorare con maggiore tranquillità, mentre i pazienti potranno essere certi di un’assistenza più completa. In questa occasione voglio dare atto ai due colleghi che sono già in servizio presso l’Ospedale Chiello che nell’ultimo anno e, soprattutto, durante gli ultimi mesi hanno lavorato costante per supplire alle carenze di organico riducendo al minimo i disagi per gli utenti.»  

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati