Arresto a Regalbuto . Avrebbe minacciato i genitori per ottenere i soldi della droga

[COMUNICATO STAMPA] Regalbuto – Stamane i Carabinieri della Compagnia di Nicosia, in ottemperanza ad un ordinanza del Tribunale di Enna datata 04 luglio u.s, hanno tratto in arresto il 33enne di Regalbuto L.A., pregiudicato e tossicodipendente, ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e danneggiamento aggravato, nei confronti dei propri genitori.

Le indagine, condotte  dalla Stazione Carabinieri di Regalbuto e coordinate dal Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Enna, Dott.ssa Stefania Leonte, hanno consentito di acclarare che l’uomo dall’anno 2015 e fino al maggio del 2016, si è reso responsabile di numerosi episodi di violenza nei confronti dei  genitori. In diverse occasioni infatti L.A. ha vessato ripetutamente i propri genitori, in taluni casi aggredendoli fisicamente con richieste di denaro per l’acquisto di sostanza stupefacente ed ancora, in preda a raptus di follia danneggiando tutti gli arredi di casa. I genitori, ormai esasperati dalle continue violenze, hanno trovato la forza di denunciare gli accaduti, alcuni dei quali hanno visto anche l’intervento dei Carabinieri, nel mese di maggio u.s. infatti L.A., mentre si trovava a bordo dell’auto dei genitori, apriva lo sportello del mezzo durante la corsa e, una volta sceso, frantumava con un calcio il finestrino del lato guida, occupato dal proprio padre, provocandogli delle lievi lesioni al corpo, per poi proseguire con il danneggiamento dell’auto

L’uomo dopo le formalità di rito è stato condotto presso una casa di cura del circondario ennese in regime di detenzione domiciliare.

 

Questo articolo è antecedente al 13 marzo 2018. Clicca qui per eventuali allegati